Senza il Monto, un centrocampo tutto muscoli: massima espressione del calcio di Max

montolivo (spaziomilan)
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

flamini (spaziomilan)L’infortunio di Riccardo Montolivo apre una voragine nel centrocampo del Milan. Massimiliano Allegri sarà costretto a cambiare modulo per permettere ai centrocampisti scelti, di giocare ed esprimersi al meglio. A San Siro contro il Torino saranno, con tutta probabilità, Antonio Nocerino, Mathieu Flamini e Sulley Muntari ad occupare la linea mediana. Un centrocampo tutto grinta e muscoli che diede tante soddisfazioni a Mister Allegri nell’anno dello scudetto 2010/2011. Centrocampisti e modulo praticamente obbligati per il tecnico toscano, classico 4-3-3 con una linea mediana fatta di puri incontristi: tanta grinta, sacrificio e corsa ma poca classe, fantasia e precisione. Insomma saranno sicuramente chiamati ad una partita di grande concentrazione, soprattutto perché costretti anche ad impostare il gioco.

Le aspettative saranno sicuramente molto elevate, dato che nessuno dei tre calciatori è riuscito a mettersi in mostra durante questa stagione. Per motivi diversi sono stati messi da parte: per loro è stata una stagione dal rendimento altalenante costellata da una serie di infortuni e bocciature. Nessuno dei tre ha giocato con una continuità tale da potersi guadagnare un posto in squadra. Solo Flamini, dopo l’infortunio di Massimo Ambrosini, è riuscito ad emergere: il francese sta vivendo un momento di splendida forma, tre reti nelle ultime tre partite. Insomma, saranno tutti e tre chiamati ad una partita d’attenzione soprattutto perché non ci sono alternative valide in panchina, l’unico centrocampista a disposizione sarà Bakaye Traoré ma il maliano non ha di certo dato garanzie alla squadra e all’allenatore.

Il centrocampo quest’anno è stato un reparto falcidiato dagli infortuni: Nigel De Jong, proprio nella partita d’andata contro i granata, Massimo Ambrosini e per ultimo Montolivo. Un reparto delicato per l’equilibrio di ogni squadra, davvero una sfortuna trovarsi a questo punto della stagione in questa situazione. Quattro partite dal termine del campionato, quattro vittorie per raggiungere il tanto desiderato terzo posto in classifica. La speranza è che gli equilibri, cambiando modulo, non varino molto così da sentir meno della mancanza di Riccardo Montolivo. Una speranza ulteriore è che i giocatori, richiamati all’ordine in questo momento cruciale della stagione, diano tutto quello che non hanno potuto dare o non sono riusciti a dare finora.