Esposito (Ag. FIFA): “Inler sarebbe un sogno, Verratti è troppo caro. Allegri? Dovrebbe restare”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

verratti 2A parlare in esclusiva a IlSussidiario.net è l’agente Fifa Marco Antonio Esposito. Come di consueto, i temi affrontati sono molteplici: i più importanti riguardano il calciomercato e la panchina rossonera della prossima stagione. A tre partite dalla fine del campionato si comincia a parlare della futura campagna acquisti del Milan, a prescindere dalla posizione finale in classifica. Uno dei ruoli più delicati di questa stagione è il centrocampo, reparto che ha subito diversi infortuni e ha visto giocatori non garantire con continuità prestazioni sufficienti. Non sarebbe invece il momento di parlare di allenatori, dato che la posizione in classifica non è ancora consolidata, ma ormai i tecnici sono abituati a lavorare con questo clima attorno.

Inler farebbe bene in rossonero. E’ un grande giocatore, anche se nel Napoli non gioca nel centrocampo che aveva a Udine. Sta incontrando qualche difficoltà, ma nel Milan potrebbe dimostrare il suo vero valore. Nel centrocampo rossonero giocherebbe con due mastini accanto e non sarebbe costretto a curare anche la fase difensiva ma rimarrebbe libero per impostare il gioco. Non credo che De Laurentis farebbe bene a cederlo al Milan. Verratti? Ormai è troppo tardi. Il costo del suo cartellino è alle stelle, potrebbe seguire Carlo Ancellotti al Real Madrid”.

Capitolo allenatore: “Allegri? Berlusconi non è mai stato tenero con gli allenatori, in passato anche con Ancelotti. Alla fine credo che potrebbe essere riconfermato, a meno che arrivi un allenatore molto importante. Seedorf? Non credo potrebbe essere l’alternativa giusta. E’ troppo giovane e non avrebbe l’esperienza richiesta come allenatore. Conoscerebbe perfettamente l’ambiente e lo spogliatoio, ma non basta. Punterei su una figura esperta del Milan: come Tassotti che fa parte dello staff rossonero da oltre vent’anni. Saprebbe gestire perfettamente la squadra, ma non credo che voglia abbandonare il ruolo di secondo allenatore”.