Severino (ag. FIFA): “Seedorf? Per il momento non escluderei Donadoni. L’unico cedibile è Boateng”

boateng milan-catania (spaziomilan)
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

per il momentoAd intervenire, in esclusiva a ilsussidiario.net, è stato l’agente Fifa Liborio Severino. La stagione è praticamente terminata, in attesa della finale di Champions League e la finale di Coppa Italia tra Lazio e Roma. Proprio questa partita potrebbe essere legata in qualche modo al destino di una pedina fondamentale dello scacchiere rossonero: Massimiliano Allegri. Il tecnico toscano starebbe riflettendo sul suo futuro, indeciso proprio tra la nuova avventura a Roma o la definitiva consacrazione a Milano. Alla fine potrebbe essere il presidente a chiarire le idee ad Allegri, optando per l’esonero e affidando la panchina ad un altro tecnico. I nomi fatti sono stati diversi, ma per il momento non è ancora chiaro chi sia il prescelto. Doverosa una piccola parentesi anche sul calciomercato, non ancora entrato nel vivo ma che non tarderà a riempire pagine di giornale e occupare le trasmissioni sportive: coinvolti durante l’intervista Kevin Prince Boateng, Cristian Zapata e Massimo Ambrosini.

Allegri? Galliani non ce la farà a convincere Berlusconi: ha già deciso di esonerarlo. Non avrebbe neanche senso per Allegri restare in una società senza aver la fiducia del presidente. Inoltre Berlusconi si prenderebbe una responsabilità importante nell’affidare la panchina a Seedorf: è ancora un calciatore, non avrebbe nessuna esperienza in merito. A tal proposito, non mi sentirei di escludere la pista Donadoni. Ha più volte dichiarato di voler restare a Parma, ma non ne sarei così sicuro: potrebbe essere lui il prossimo allenatore del Milan”.

Capitolo calciomercato:Boateng potrebbe essere ceduto, nelle ultime stagione non ha fatto bene. Non vedo altri giocatori che possono lasciare Milano in questo momento. Sarebbe un peccato se andasse via Ambrosini. E’ un calciatore che ha dato tutto al Milan e avrebbe voluto chiudere la carriera in rossonero. Zapata? Giusto riconfermarlo, nella seconda parte di stagione ha dimostrato il suo vero valore”.