Meno una settimana all’esordio nelle Final Eight: ecco i dubbi finali da scogliere di mister Dolcetti

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

PrimaveraSi ripartirà, molto probabilmente, da dove ci si era lasciati. E cioè da quell’oramai lontano 20 aprile, ultima gara di campionato, che vide i ragazzi di Dolcetti imporsi per 4-0 sul campo del Sassuolo e entrare così, di diritto, nelle Final Eight Primavera. E’ stato un mese di preparazione intenso per tutta la squadra, anche se i vari tornei ai quali hanno partecipato i rossoneri sono stati più un’occasione per provare i giovani degli Allievi Nazionale, che dall’anno prossimo sbarcheranno in Primavera, piuttosto che provare nuovi schemi e movimenti in vista del quarto di finale in programma domenica 2 giugno contro il Catania. Anche se nella testa di Dolcetti rimangono ancora pochi dubbi.

Per Gubbio partirà tutta la squadra, cioè tutti quei 25-26 giocatori che fanno parte della rosa da agosto. Poi, per ogni gara, Dolcetti dovrà sceglierne 18 che andranno nel rettangolo di gioco a giocarsi il passaggio del turno. I moduli che rimbalzano nella testa di Dolcetti sono due: il più consolidato 4-3-3, per andare anche in trasferta subito all’attaco; oppure il più quadrato 4-2-3-1, già visto all’opera nelle ultime uscite in campionato. Ma nel DNA di questa squadra ci sono i gol. E i gol si costruiscono giocando all’attacco e crediamo che mister Dolcetti opti, alla fine, per il più collaudato modulo con il tridente offensivo.

Tra i pali non ci sono dubbi: Gabriel, essendo fuoriquota, non potrà neanche essere convocato, per cui spazio all’affidabile Narduzzo. In difesa potrebbe esserci novità nell’11 iniziale: se infatti la fascia destra sembra già prenotata da Ferretti, in mezzo Iotti, Lucarini, Speranza e Pacifico ci giocano due posti. Ma contro Barisic (attaccante ’95, 15 reti in campionato) e Aveni (attaccante ’94, 15 gol) prevediamo la coppia Pacifico-Speranza. Laterale sinistro basso, Pinato sarà confermato. In mezzo al campo pochi punti interrogativi: a Cristante le chiavi del centrocampo, affianco da due mastini quali Pedone e Lora. E’ qua che si farà la differenza. Davanti il tridente che qualcuno già sogna in prima squadra: Petagna centrale, con Ganz e De Feo larghi sulle fasce. De Feo sì, perché Dolcetti punterà sul suo estro per scardinare la difesa etnea. Vedere per credere.

La Primavera rossonera è pronta e carica per questo grande evento, che si svolgerà tutto in sette giorni: una settimana da urlo, una settimana per togliersi molti sassolini dalle scarpe e molte soddisfazioni, una settimana da vivere da Milan. L’obiettivo è la semifinale, il sogno è il Tricolore: stupiteci ancora ragazzi, vogliamo continuare a sognare. E poi non svegliateci più.

Twitter: @SBasil_10