Irrera (ag. FIFA): “Preferisco El Shaarawy a Tevez. Pastore obiettivo proibitivo senza vendere…”

accordo_city_psg_carlos_tevezI colleghi de ilsussidiario.net hanno intervistato l’agente Fifa Roberto Irrera, per parlare della situazione del mercato rossonero, con gli occhi puntati al reparto offensivo, dove ballano i nomi di Tevez, Boateng, El Shaarawy e non solo.

Si comincia proprio con il ragazzo italo-egiziano: “Temo che il Milan possa dare il via libera alla cessione del giocatore in caso di grande offerta da parte del Manchester City. Onestamente non saprei dire se è giusto cedere il Faraone, dipende da cosa ha in mente la società. Se il progetto è quello di pensare maggiormente a fare cassa come ad esempio fa l’Udinese, allora la cessione è inevitabile; altrimenti, se si vuole proseguire con la linea dei giovani talenti, vendere El Shaarawy sarebbe un controsenso, perchè è un ragazzo del ’92 già pronto ora. Piuttosto meglio lasciar partire qualcun altro“. Ed Irrera indica anche il nome del principale indiziato: “Penso a Boateng: il ghanese non ha più garantito il rendimento della prima stagione in rossonero ma ha tanto mercato. Venderlo adesso sarebbe la soluzione migliore“.

LEGGI ANCHE:  Dalla Francia sicuri: “Affare fatto, andrà al Milan!”

Sul fronte acquisti, l’eventuale partenza di El Shaa potrebbe essere controbilanciata dall’arrivo di un grande campione o di qualche talento cristallino; nella prima categoria rientrano sicuramente gli argentini Tevez e Pastore: “Per l’Apache, credo che la trattativa sia rinata perchè il Manchester City sta pensando di inserirlo nell’offerta per El Shaarawy. Sinceramente, se dovessi scegliere tra i due rimarrei con il Faraone in rosa. Sul Flaco, torniamo al solito discorso: per prendere certi giocatori devi prima vendere, perchè hanno un prezzo al momento non accessibile. Vale quanto detto prima: o parte El Shaarawy, oppure temo che Pastore resterà un obiettivo impossibile“.

Chi rappresenterebbe un obiettivo decisamente più raggiungibile è Simone Zaza, il talento della Sampdoria che quest’anno ha fatto faville in serie B ad Ascoli: “Zaza ha talento e ha dimostrato di essere bravo; ma prendere lui per sostituire uno come il Faraone è un azzardo. Non ha esperienza in serie A e a oggi non si può sapere se potrà avere impatto immediato nella massima serie“.