Milan, ecco Civelli: grinta e forza al servizio di Allegri, anche se…

CivelliIl prossimo rinforzo per la difesa è già stato identificato. Si tratta di Renato Civelli, classe 1983, appena svincolatosi dal Nizza, club in cui ha militato nelle ultime tre stagioni. L’affare è in dirittura d’arrivo. Il centrale argentino arriva a parametro zero, con un ingaggio inferiore a un milione di euro. L’approdo al Milan rappresenta il crocevia della sua carriera, fino a questo momento, trascorsa facendo la spola tra il campionato albiceleste e la Ligue 1. Civelli, dall’alto dei suoi 195 cm per 90 kg, è un centrale in possesso di fisicità e aggressività. Possiede doti nello stacco di testa, tanto da essere pericoloso sui calci piazzati e nella marcatura a uomo.

Non perde mai l’occasione per mettere in mostra la propria potenza, ma presenta anche alcune lacune: le più preoccupanti riguardano il senso della posizione e l’abilità nella comprensione dello sviluppo dell’azione. Per non commettere errori in grado di pregiudicarne la permanenza in rossonero, la possibile new entry è chiamata a lavorare con massimo impegno: solo applicandosi con costanza, Renato potrebbe correggere il proprio punto debole.

LEGGI ANCHE:  Una stagione che passa dagli ultimi 90 minuti: tutto o niente

Civelli manifesta problemi anche in fase di impostazione: quando si avventura in dribbling e in avanzate, rischia sempre di perdere palla e di concedere occasioni. Perché ciò non accada, è allora chiamato a optare per giocate essenziali, mirate alla concretezza. Così facendo, dal momento che annovera nel proprio repertorio un buon senso dell’anticipo, può ritagliarsi spazio e rappresentare una scommessa vinta. Certo, ad oggi, parte come ultima scelta. Ma disimpegnandosi con efficacia e registrando progressi, nel corso della stagione potrebbe costituire una vera e propria sorpresa. Sta a lui giocarsi con successo l’ultima carta della sua carriera.