Il futuro del Trotto in un braccio di ferro tra Milan, Inter e Comune

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

galliani moratti (spaziomilan)Un ippodromo rossonerazzurro. Per fare di San Siro uno stadio d’eccellenza. Con tanto di negozi, ristoranti, spazi per il tempo libero e parcheggi. E’ il progetto al quale stanno lavorando Milan e Inter, nell’ottica comune di fare del Meazza un impianto all’avanguardia, con le carte in regola per ospitare la tanto agognata finale di Champions del maggio 2016.

Adriano Galliani ha confessato i piani durante il Workshop rossonero di Santa Margherita di Pula: “Abbiamo fondatissime speranze per avere la finale di Champions League a Milano nel 2016. Ci sarà anche la linea Metropolitana 5 che arriverà allo stadio”. E ancora. “Il Milan e l’Inter stanno cercando di acquistare l’area del Trotto per far diventare San Siro una cosa favolosa. Io spero di trovare l’accordo economico con i proprietari del Trotto e il Comune è assolutamente d’accordo. Riqualificare San Siro sarebbe fantastico. Nelle prossime settimane avremo incontri e diventerebbe una cosa unica almeno in Europa”.

Non tutto, però, sembra in discesa come ha voluto far intendere l’amministratore delegato del Milan. Il futuro dell’ippodromo del Trotto, infatti, è oggetto di valutazioni da parte di Palazzo Marino, dopo che lo scorso 30 dicembre si era tenuta l’ultima corsa a causa della crisi dell’ippica. L’impianto fa parte della storia di Milano: costruito nel 1925, al Trotto si sono tenute le più emozionanti gare che hanno fatto la fortuna di tanti appassionati, milanesi e non. Poi la crisi e l’emergere delle scommesse online ha fatto perdere appeal e gli spettatori si sono ridotto da una media di seimila a corsa (la massima capienza raggiunta nei tempi d’oro) a non più duecento persone. Da qui la decisione della società Trenno, controllata da Snai e delegata alla gestione degli ippodromi milanesi, di chiudere.

DE CESARISOra si tratta sul futuro e il vicesindaco Ada Lucia De Cesaris ha gelato le ambizioni di Galliani: “Le sue idee sono sconosciute all’Amministrazione comunale e, comunque, mi sembrano ben lontane dal progetto di riqualificazione che il Comune ha iniziato a discutere con gli operatori dell’ippica per il trotto, con Snai e la città“. Con questa nota Palazzo Marino ha voluto rimarcare quanto scritto nel Piano di Governo del Territorio del Comune che ha assegnato all’area del Trotto la tutelata dalla destinazione a sport e verde. Tradotto: non sono previsti altri servizi come negozi, ristoranti e parcheggi. Si potrebbe aprire così un braccio di ferro, destinato a chiudersi in tempi rapidissimi. Perché se l’obiettivo è quello di presentare un’area totalmente nuova nel giro di appena tre anni non c’è molto margine per carte bollate, ricorsi e diatribe urbanistiche.