A Manchester il Milan scopre un nuovo talento: fari su Agnero

allievi
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

allieviQuando si dice “saper sfruttare le occasioni”: ci è riuscito benissimo Juvenal Agnero Junior, attaccante classe 1998 degli Allievi I/II Divisione rossoneri, che si è mirabilmente messo in mostra alla Manchester United Premier Cup, uno dei più importanti tornei mondiali per under 15, che si è svolta qualche settimana fa nella città britannica.

I rossoneri guidati da mister De Vecchi si sono arresi sono nella finale giocata nel meraviglioso Old Trafford contro la Dinamo Zagabria, vincitrice per 2-1, ma torneranno a casa con un notevole bagaglio di esperienza e con un vero e proprio mattatore, Agnero appunto. Juvenal è nato il nove dicembre 1998 ad Orbaff, città della Costa d’Avorio ed è alto 185 cm, quindi è un vero e proprio “marcantonio”. Il suo exploit alla MUPC è conseguente alla non perfetta forma fisica di bomber Patrick Cutrone, che coach De Vecchi ha sostituito proprio con l’africano, che, nel più classico dei “carpe diem“, si è guadagnato la ribalta sul palcoscenico inglese. Cinque gol in totale per lui, tre dei quali nella fase a gironi, dove è andato a segno contro il Boca Juniors e per due volte contro i cinesi dello Shendong. Ancora protagonista Agnero nella semifinale contro il Domzale con il gol del momentaneo 1-0 su assist di Altare; e gol, purtroppo inutile, anche nella finale contro la Dinamo Zagabria, col nativo di Orbaff che aveva siglato l’illusorio 1-1 con un gol di una rapacità unica.

Notizie ottime, dunque, per il nuovo allenatore degli Allievi I/II Divisione Cristian Brocchi che il prossimo anno potrà puntare su un nuovo interessante talento sfornato dalla florida cantera rossonera. Dall’Africa con furore, Juvenal Agnero è pronto a diventare “grande”, in tutti i sensi.