Sei qui: Home » Copertina » Prima il cambio di procuratore, adesso la richiesta di aumento: Abate, due indizi fanno una prova

Prima il cambio di procuratore, adesso la richiesta di aumento: Abate, due indizi fanno una prova

abate (spaziomilan)Se due indizi fanno una prova, allora ci siamo: la sindrome Mino Raiola incomincia a fare effetto anche su Abate. E’ notizia fresca di questa estate oramai agli sgoccioli che il terzino rossonero abbia cambiato procuratore: da Andrea D’Amico a Mino Raiola. E quando si tira in ballo il secondo c’è sempre da stare attenti alle sue prossime mosse. Che puntualmente, ogni anno, arrivano nel mese di settembre: mercato chiuso, bilanci quasi conclusi. Prima dell’inizio della nuova stagione e dei nuovi possibili scenari, con negli occhi ancora quella passata. E una Confederations Cup giocata da protagonista sulle spalle. Ma stavolta qualcosa non torna.

Mino Raiola è già al lavoro per un ritocco del contratto con un altro suo gioiello, quel Paul Pogba che sta facendo impazzire Marotta. Un contratto da 800 mila euro e prestazioni da fenomeno hanno fatto alzare l’asticella al procuratore dei procuratori: rinnovo a 4 milioni l’anno. Cinque volte la cifra percepita adesso dal francese. Marotta ci pensa, nel frattempo glissa e prende tempo. Come Galliani, che continua nel suo percorso di ridimensionamento del tetto ingaggi. Kakà con 4 milioni (insieme a Balotelli e Mexes) è il più pagato della rosa: sopra quel limite non si sfora. Abate guadagna 1,8 milioni all’anno e ne chiede 200 mila in più, poco più di 2 a stagione. Calma, avrà detto Galliani all’amico Mino: “Parliamone a fine stagione”. Il contratto scade nel giugno 2015, non c’è fretta. Anche se il piano di Raiola la contempla.

LEGGI ANCHE:  UFFICIALE - Milan e Puma ancora insieme: pioggia di milioni per il Diavolo

Nella testa del re dei procuratori balena l’ipotesi dell’esplosione di De Sciglio: Allegri potrebbe affidargli le chiavi della fascia destra preferendolo proprio ad Abate, che rischia di rimanere in panchina e perdere il biglietto per i Mondiali del Brasile. Ecco perchè l’aumento, sintomo di un club che crede nel giocatore (e lo fa giocare con continuità). Promesse e desideri che Galliani oggi non può concedersi. Domani, chissà.

Twitter: @SBasil_10