CALCIOMERCATO/ Milan, con Kakà è saltato l’affare Kucka. Ma si pensa già a gennaio…

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

kucka2Per trattarsi di una stagione di calciomercato partita già in stallo, c’è da dire che gli ultimi, infiniti colpi di coda stanno decisamente sorprendendo. Non cala ancora il sipario sul mercato rossonero che non si stanca di pensare, idealizzare, cedere e cambiare le carte in tavola senza soffermarsi troppo su spiegazioni e/o domande.

Stando a quanto ha svelato il collega di Sky Sport Gianluca Di Marzio infatti, l’attenzione ricade ora sull’affare Kucka che a quanto pare s’aveva da fare ma, con l’arrivo di Kakà è saltato. Il centrocampista del Genoa e della Nazionale slovacca sarebbe dovuto arrivare al Milan per 6 milioni di euro. In più, la società rossonera avrebbe ceduto al Genoa la metà del cartellino di Niang con il chiaro intento di parcheggiarlo altrove. L’idea era quindi quella di spostare Montolivo in posizione più avanzata, affidandogli il ruolo di trequartista nel modulo del 4-3-1-2; Kucka, avrebbe in questo modo affiancato De Jong e uno fra Poli e Muntari così da completare dignitosamente il reparto di centrocampo.

Il giocatore rossoblu era ad un passo dal vestire la maglia rossonera quando, un caldo e passionale vento brasiliano l’ha fatta volare via: una volta che Galliani ha capito che avrebbe potuto portare a termine l’affare Kakà infatti, tutto è saltato…per ora.

Non è detto che il giocatore del Genoa non possa arrivare a Milano a gennaio, considerando che le basi per la trattativa sono già state saldamente gettate. Il Milan dal canto suo, ha la consapevolezza che un centrocampista dai piedi buoni in più andrebbe corteggiato, non allontanato. Tutto rimandato a gennaio quindi, mese in cui torneranno d’attualità anche le altre tanto discusse operazioni: prima fra tutte quella di Keisuke Honda. Ma dove verrà schierato da Mr Allegri? Si ipotizza già uno schema ad albero di natale, come quello utilizzato a suo tempo da Mr Carletto Ancelotti. Tattica che però non ha mai divertito né convinto il presidente Berlusconi, preoccupato di vedere in panchina troppe stelle ogni domenica. Staremo a vedere…