Bevacqua (ag. FIFA): “Kakà e Matri, che affari! Non vedo nessuna difficoltà per il Faraone. Astori? Costava troppo”

el shaarawy (spaziomilan)
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

el shaarawy (spaziomilan)“C’eravamo tanto amati”, recitava il celebre film di Ettore Scola nel 1974. Riadattando il titolo alla nostra situazione potremmo evocare un altrettanto celebre “c’eravamo tanto lamentati”, a proposito del mercato rossonero di questa altalenante stagione estiva. Il Milan infatti, rimasto quasi fastidiosamente immobile fino al 28 agosto, ha negli ultimissimi giorni di mercato messo a segno giusto un paio di colpi che hanno letteralmente fatto impazzire molti dei suoi tifosi: parliamo chiaramente del grande ritorno di Kakà e di Matri.

Sebbene si tratti indubbiamente di un ottimo rinforzo per un attacco che comincia già a fare paura, a suscitare dei dubbi c’è ancora una difesa zoppicante e un quesito impossibile da tralasciare: quale sarà, a questo punto, il ruolo di Stephan El Shaarawy?

A far luce sull’argomento ci ha pensato l’agente FIFA Cataldo Bevacqua, intervistato in esclusiva da Ilsussidiario.net: “Io credo che Galliani abbia cercato in tutti i modi di portare kakà al Milan ormai da diversi anni. Questa volta ha fatto l’affare, ma credo sia stato un bene per tutti. E’ stato un affare anche per il Real Madrid, che si è liberato di un ingaggio molto pesante e non remunerativo visto che in Spagna Kakà non ha mai dato prova delle sue qualità. Per Allegri sarà un calciatore importante perché gli permetterà di schierare la squadra con diversi moduli di gioco. L’arrivo del giocatore brasiliano inoltre, stimolerà il giovane El Shaarawy. Non capisco perché si debba parlare di un Faraone in difficoltà”.

Così, a proposito del neo acquisto Alessandro Matri: “Matri potrà servire tanto al Milan. Secondo me potrebbe fare lo stesso percorso di Inzaghi, che al Milan ha dimostrato tutto il suo valore “.

Infine, alcune considerazioni sulla dubbia difesa rossonera e sul mancato acquisto di Astori: “Il problema è che i giocatori bravi costano tanto. Il Cagliari ha chiesto troppo per Astori”.