Ecco Birsa: qualità e fosforo in cerca di rilancio… e già in Europa

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

birsa milan-cagliari (spaziomilan)Valter Birsa è arrivato al Milan tra dubbi e poche certezze. Approdato in rossonero nello scambio che ha coinvolto anche Luca Antonini, con la maglia di Genoa e Torino il centrocampista sloveno è stato protagonista di due stagioni di gran lunga al di sotto delle aspettative. Poche presenze e prestazioni deludenti. E’ questo il bilancio del rendimento di Birsa che, al momento, rappresenta la copia sbiadita del fantasista ammirato in Francia. Tra il 2006 e il 2011, con la maglia di Sochaux e Auxerre, Valter aveva illuminato i campi di gioco della Ligue 1.

Tecnica di base, qualità balistiche, fisicità, inclinazione al dribbling e all’inserimento, personalità e abilità nella comprensione dello sviluppo dell’azione. Grazie a queste caratteristiche, a cui si aggiunge un Mondiale disputato su buoni livelli, Birsa aveva attirato su di sè l’attenzione di molte squadre. Si era ben distinto anche nel corso del doppio scontro con il Milan, valido per la fase a gironi della stagione 2010/2011, quando militava ancora nell’Auxerre. Poi il vuoto. Male al Genoa, discontinuo al Torino. Ora, però, è arrivata l’occasione del riscatto: il Milan. A differenza di Malesani e Ventura, che tendevano a schierarlo da esterno di centrocampo o d’attacco, Allegri dovrebbe utilizzarlo come vertice alto del rombo di centrocampo o come mediano chiamato ad abbinare qualità e quantità. E Birsa, che in Francia si era distinto per doti d’impostazione e di costruzione, dovrebbe ringraziare.

Malgrado non abbia ancora giocato nemmeno uno spezzone di partita, Valter è stato inserito in lista Champions. Ciò significa che, in attesa di conferme, gode della fiducia di Allegri. Il centrocampo rossonero contempla come titolari Montolivo, De Jong e Poli, con Muntari comprimario e con Nocerino sempre più ai margini del progetto. Ecco allora che Birsa, dimostrando dedizione e progressi, potrebbe ritagliarsi un po’ di spazio. Sta a lui, negli spezzoni di gara che gli verranno concessi, convincere e rilanciarsi.