Tempo, spazio e pazienza: il Mitra resta con troppi colpi in canna