El Shaarawy: “Sono pronto, ma non mi pongo traguardi personali. Con Allegri tutto ok. Balo sa di aver sbagliato…”

el shaarawy (spaziomilan)
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

el shaarawy milan-psv (spaziomilan)Stephan El Shaarawy scalpita per tornare. L’obiettivo è presentarsi pronto per la sfida di Champions League contro l’Ajax, in programma martedì prossimo ad Amsterdam.

A margine della presentazione di FIFA14, a Milano, l’attaccante ha parlato del suo ritorno: “Non voglio parlare di gol e traguardi personali, il bene del gruppo è la cosa più importante. Un anno fa non mi ero posto obiettivi in termini di gol, e alla fine sono venuti da soli. Non sarebbe male se andasse di nuovo così. Certo, avrei preferito ritrovare la squadra in una posizione migliore. Lo scorso campionato abbiamo raggiunto il terzo posto, un grandissimo traguardo“, ha dichiarato alla Gazzetta dello Sport.

Poi sul rapporto con Massimiliano Allegri: “È un rapporto solare, si è occupato molto del mio stato di salute in questo periodo. Sono contento che sia rimasto con noi. Io seconda punta? Certo che sono pronto. E all’occorrenza anche a fare il trequartista, com’era successo per un po’ a Padova. Sono soddisfatto di quanto prodotto sin qui. Ho fatto gol, ne ho sfiorati altri. Personalmente non mi posso lamentare. Mi sento a tutti gli effetti parte integrante del progetto”.

Infine su Mario Balotelli, compagno e amico, squalificato per tre giornate dopo il comportamento post-partita di domenica scorsa contro il Napoli: “L’ho trovato sereno e tranquillo. Sa di aver sbagliato, e infatti si era scusato con noi già nel dopo-gara. Ha fatto un errore, è un aspetto del suo carattere che sa di dover migliorare, perché così ci penalizza. Ne abbiamo parlato, gli ho espresso la mia idea”. Dichiarazioni che ricalcano quelle rilasciate a SportMediaset: “Penso che Mario abbia avuto una reazione un po’ così, ma fa parte del suo carattere. Deve imparare a controllarsi, facendo così penalizza la squadra e se stesso. Deve controllarsi, lui è un giocatore che può fare la differenza in qualsiasi squadra e, fondamentalmente, è un bravo ragazzo”.