Liverani salvo, “paga” Eranio: Preziosi licenzia il tecnico Primavera

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

eranio genoaCambio della guardia sulla panchina del Genoa Primavera: Stefano Eranio è stato esonerato per far posto a Ivan Juric. L’ex difensore rossonero lascia la guida della squadra dopo quattro sconfitte su quattro giornate di campionato e l’eliminazione dalla Coppa Italia per mano del Sassuolo. Il tecnico era stato ingaggiato questa estate per sostituire Luca Chiappino. Juric ha svolto il primo allenamento ieri pomeriggio a Multedo: l’obiettivo è quello di dare la carica alla squadra, uscire dalla profonda crisi e provare a recuperare il terreno perso in classifica.

Il neo tecnico del Genoa Primavera vanta un glorioso passato con la maglia rossoblù. Dopo aver giocato col Crotone, nel 2006 passa al Genoa grazie all’insistenza di Gian Piero Gasperini che lo volle a tutti costi in squadra. Il tecnico ottenne Juric ed ebbe ragione: con la maglia del Grifone ha giocato quattro stagioni ad alto livello, siglando anche una rete contro la Juventus. A Genova divenne ben presto beniamino dei tifosi e non solo, anche del Mister Gasperini che lo prende nel suo staff tecnico, prima all’Inter e poi al Palermo, una volta appese le scarpe al chiodo nel giugno del 2010. Ora la chiamata dalla sua ex squadra e il ritorno tra gli amati tifosi genoani che lo aspettano a braccia aperte, fiduciosi di aver affidato la Primavera in buone mani.

Non solo Juric ha un passato al Genoa, anche lo stesso Eranio ha militato nella squadra ligure dal 1984 al 1992 prima di passare al Milan. Dal Grifone passò in rossonero per 9 miliardi di lire per sostituire Mauro Tassotti nel ruolo di terzino destro; progetto fallito anche a causa dei ripetuti infortuni che ne hanno pregiudicato la carriera. Nel Milan rimase fino al 1997 prima di passare in Inghilterra al Derby County. Ha chiuso l’esperienza milanista con tre scudetti, una Champions League, una Supercoppa italiana e una Supercoppa europea. Tornato dall’Inghilterra, firma un contratto con la Pro Sesto come allenatore-giocatore. Una volta chiusa l’esperienza a Sesto San Giovanni, nel 2004 rientra al Milan alla guida dei Giovanissimi Nazionali fino al 2006. Nel 2013 la nuova sfida con la Primavera del Genoa chiusasi anzitempo come anticipato.