Da Torino a Torino: Kakà vuole recuperare per la sfida con la Juve, ma non bisogna affrettare i tempi

kaka 1 chiasso-milan (spaziomilan)
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

KakàIl suo infortunio è stato improvviso quanto inaspettato, nessuno lo ipotizzava ma tanti lo temevano. Ricardo Kakà è fermo ai box dopo una sola partita giocata nella sua nuova vita rossonera. E, quando i guai partono dai muscoli, c’è bisogno di molta cautela prima di ritenersi guariti. Ricky ha puntato una data, la ritiene perfetta per il suo rientro in campo: il 6 ottobre, giorno di Juventus-Milan. Quale occasione migliore per tornare a disposizione di Allegri?

Ma il guaio muscolare che ha bloccato Kakà non è da sottovalutare, perché le ricadute in questi casi sono sempre dietro l’angolo. Uno strappo muscolare è una rottura parziale di qualche gruppo di fibre e, visto che l’infortunio è recente, adesso Kakà è impegnato in minimi movimenti per far sì che si formi la cicatrice là dove c’è stata la lesione.

Quando si sarà formata, potrà cominciare a fare stretching e qualche esercizio elastico, perché la cicatrice va sforzata gradualmente altrimenti c’è il rischio che il brasiliano si infortuni di nuovo alla prima partita. Quindi, da Torino a Torino: Kakà ha messo la Juve nel mirino per chiudere il cerchio, speriamo stavolta senza conseguenze.