Melissa Satta: “Le lacrime a San Siro? Uno sfogo accumulato da un anno. E su Vieri…”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

boateng esultanza satta milan-psv (spaziomilan)Sassolini e soddisfazione. Amore e qualche punta di veleno. Melissa Satta saluta a suo modo il popolo rossonero, da venerdì scorso orfano di Kevin-Prince Boateng, suo compagno passato allo Schalke 04.

“Ho accolto positivamente il suo trasferimento, sarei stata egoista a intromettermi in una scelta che riguarda la sua vita e il suo lavoro – ha raccontato l’ex velina in un’intervista al settimanale Chi -. In fondo Düsseldorf, dove stiamo cercando casa, è a un’ora e un quarto di volo. E chissà magari quest’anno faccio un figlio e mi sposo. Mi piacerebbe”.

E sulle lacrime dopo la doppietta del ghanese al PSV Eindhoven: “Quando Kevin ha segnato, io in tribuna mi sono commossa. Tutti hanno pensato che piangessi perché sapevo che sarebbe stata l’ultima partita di Kevin al Milan, invece non era così. Non sapevo ancora nulla. Il mio pianto era uno sfogo che accumulavo da un anno in cui venivo accusata di influire negativamente sulle prestazioni del mio fidanzato. Passavo per la strega cattiva e avrei voluto dire: ‘Avete visto che gioca bene anche se sta con me?”. E ancora: “E’ bello lasciare così, con una partita magica. Kevin è riconoscente al Milan, che gli ha dato tanto, è legatissimo a questa maglia, allo staff e al Presidente Berlusconi, che ha sempre creduto in lui”.

Poi sulla nuova “musa” rossonera, Federica Nargi, compagna di Alessandro Matri: “E’ proprio come a ‘Striscia la notizia’. E da velina a velina posso dirle che adesso se le piglia lei le critiche, le passo il testimone”. Infine sull’ex fidanzato Christian Vieri che recentemente aveva affermato di aver amato solo Elisabetta Canalis: “Non puoi comandare le parole altrui. Io non lo avrei mai detto, perché da parte mia non sarebbe vero: se stai cinque anni con una persona vuol dire che c’era qualcosa. Forse ce l’aveva con me, anche se mi ha lasciato lui. Ma abbiamo una nuova vita e ognuno dà al passato il valore che crede”.