Al capolinea l’esperienza di Traoré, ma di rimpianti nemmeno l’ombra

Traoré (SpazioMilan)
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

traoré milan-sion (spaziomilan)Il mercato in Italia si è chiuso lo scorso lunedì, ma ci sono tanti altri paesi europei in cui le contrattazioni sono ancora aperte sino a fine mese e per questo motivo le squadre italiane possono ancora sperare di piazzare qualche giocatore in esubero.

Il Milan ha compiuto da poche ore questo passo, visto che è arrivata circa quattro ore fa la notizia del trasferimento ufficiale in prestito di Bakaye Traoré ai turchi dell’ Kayseri Erclyessport, squadra neopromossa nella Super Lig, il massimo campionato turco. Il nativo di Bondy era stato vicinissimo ad un passaggio al Genoa, che poi lo avrebbe girato all’Olympiakos, nell’affare-Birsa, ma non se n’è più fatto nulla e dunque alla corte di Liverani è andato Luca Antonini. Traorè era arrivato lo scorso anno a parametro zero dal Nancy, tra lo stupore generale di un popolo, quello rossonero, che aveva subito storto il naso per l’arrivo di un giocatore completamente sconosciuto. La stagione del maliano a Milanello non è stata certo di quelle che rimangono impresse nella memoria: sette presenze in campionato, una in Champions ed una in Coppa Italia, tutte, tranne una a Cagliari, da subentrato per pochi minuti, ed ovviamente con zero gol. Ora Traorè tenterà l’avventura in Turchia, con un prestito con diritto di riscatto che pare davvero mettere fine alla sua esperienza in maglia rossonera.

Siamo certi che i tifosi non si strapperanno i capelli per la partenza del pur onesto Traoré, altro componente di quel nutrito gruppo di giocatori che nel corso degli anni hanno attraversato Milanello senza però che gli annali li consegnassero alla grande storia rossonera.