La prova d’appello della difesa: la Champions è l’ideale per ritrovarsi

mexes milan-roma (spaziomilan)
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Milan vs BarcellonaIl momento è di quelli critici in casa rossonera, ma oltre alle tante assenze e ai problemi di organico in tutti i ruoli, in questo momento c’è un reparto che in maniera particolare non fa dormire sonni tranquilli a Mister Allegri. Ovviamente stiamo parlando della difesa che in ogni partita dimostra di avere dei problemi strutturali evidenti. E, se negli altri ruoli l’alibi si potrebbe trovare nelle tante assenze, la coppia centrale di difesa (considerando comunque gli infortuni di Silvestre e Bonera) è quella considerata titolare dal tecnico livornese.

Una coppia, quella formata da Mexes e Zapata,che l’anno scorso nel girone di ritorno, è stata una delle armi in più che ha permesso ai rossoneri di raggiungere il terzo posto. Certo mancano i due terzini titolari, De Sciglio e Abate, che potrebbero garantire maggior copertura rispetto a quegli impiegati attualmente, ma sono proprio i meccanismi della coppia centrale a non funzionare spesso e volentieri. Basti pensare che nelle cinque partite stagionali disputate fin qui il Milan ha subito sei reti e solo in un’occasione la porta di Abbiati è restata inviolata per tutti i 90′.

L’unico precedente potrebbe essere di buon auspicio per domani, visto che parliamo del preliminare di Champions giocato a San Siro contro il Psv, ma in questo primo scorcio di stagione il Diavolo ha già subito il doppio delle reti rispetto a quelle subite nello stesso periodo della passata stagione ed il fatto desta parecchie preoccupazioni. Ieri Allegri ha insistito sulla solidità che il suo Milan non ha ancora e che deve essere ritrovata soprattutto dietro. Bisogna correre ai ripari e sfide come quelle di domani possono essere decisive per riacquisire sicurezza.