Giancarla Bossi in: “Ma quando arriva domani?”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

SpazioMilan ha aperto una nuova rubrica dedicata alle parole, ai ricordi, alle testimonianze dei tifosi rossoneri che, a loro modo, possono scrivere, ripercorrere e raccontare il “loro” Milan. Potete inviare la vostra mail a redazione@spaziomilan.it o lasciare un messaggio sulla nostra pagina Facebook.

bbbbbbbbDi solito le giornate sono di 24 ore, ma quel lunedì mi sembrava composto da mille. Non passava mai. Quel lunedì pensavo: “’Domani….domani ti rivedo…“. La sveglia puntata alle 6,30, nemmeno per andare al lavoro mi sveglio così presto. Ma “domani” è un giorno speciale. Un “domani” fatto di giorni, mesi, anni interminabili, di speranza e di dolore, di esaltazione e di sconfitta. Un “domani” fortemente voluto, cercato, sperato, un “domani” con certezze che quasi nessuno condivideva, ma io ci credevo, lo sentivo, lo sapevo.

Sveglia all’alba, come dicevo, colazione e VIA!!!! Destinazione Milanello!! In questi quattro anni, ti ho visto tre volte, in occasione dei viaggi che Stefy ed io abbiamo fatto a Madrid solo per rivederti, ma non era la stessa cosa. Ti vedevamo là, lontano dalla tua casa, lontano dai tuoi tifosi, lontano dal tuo popolo. Gli occhi tristi, che si illuminavano solo quando ci vedevi lì, con la tua maglia, la 22, armate di cartelli “SIAM VENUTE FIN QUA SOLO PER RIVEDERE KAKA’!!’’. Ma “domani” ti avrei rivisto nell’unico posto che si può chiamare”CASA”. E il “domani” e’ arrivato: 8.30, ci siamo. Sulla curva che precede l’ingresso, posizioniamo il cartellone fatto un sabato sera di due anni fa: “BENTORNATO A CASA, RICKY’’. Tutto è pronto…manchi solo tu. E ti vedo arrivare. Ti fermi, sorridi come solo tu sai fare. Ho le lacrime agli occhi, non riesco a muovermi. Ti dico: “Scendi per favore…’’. Tu scendi e ti salto al collo quasi buttandoti a terra! Piango lacrime di liberazione, lacrime finalmente di gioia. Tu mi stringi forte, sorridi di un sorriso che arriva dal cuore. Quante cose in quell’abbraccio, quante emozioni indescrivibili. Manca ancora una cosa: una foto di noi tre, io, Stefy e tu.

Adesso va tutto bene. Adesso il cerchio si è chiuso. SIAMO ANCORA INSIEME, RICKY. ANCORA UNA VOLTA CONTRO TUTTO E CONTRO TUTTI. Ma stavolta è per sempre!

Che dire di più? BENTORNATO A CASA RICKY!

Giancarla Bossi