Nesti: “El Shaarawy, crisi inarrestabile ma talento da proteggere”

el shaarawy (spaziomilan)
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

balotelli milan-cagliari (spaziomilan)Fra i vari giornalisti sportivi che hanno espresso le loro opinioni sul mercato estivo e la situazione generale del Milan, compare anche Carlo Nesti, noto conoscitore di calcio, con alle spalle una trentennale carriera da giornalista Rai. Sulla sua pagina ufficiale di Facebook, Nesti esprime un parere sulle più grandi squadre del nostro campionato, fra queste appunto il Milan di cui ne analizza gli aspetti positivi e quelli negativi.

“Balotelli è sempre più calato nel gioco di squadra: un gol, un assist, e il tiro respinto sul quale ha segnato Mexes. Robinho è più pronto di El Shaarawy per affiancarlo nel 4-3-1-2, dove può agire da seconda punta, per cui può essere prezioso, così come Matri. Poi c’è Kakà: non più un giovane quattrocentista, bensì un centometrista anziano, ma sempre utile. Inarrestabile la crisi di crescita di El Shaarawy, ma si tratta di un talento completo che la società deve proteggere. In difesa, quando si è infortunato Bonera, la società doveva attivarsi subito per Astori e Cannavaro, che erano indispensabili. Inoltre è eccessiva l’imposizione del 4-3-1-2 da parte di Berlusconi, perché si può giocare anche con il 4-3-3, con Robinho ed El Shaarawy ali”.

Chiare dunque le posizioni del giornalista riguardanti il giovane Faraone e il reparto difensivo: in quest’ultimo caso la società poteva fare un ulteriore sforzo, nonostante l’acquisto di Silvestre che viene da un anno a dir poco negativo passato sull’altra sponda del Naviglio.