Sei qui: Home » Ipse dixit » Shevchenko: “Il golf è totalmente diverso se sotto pressione. Ma sono ottimista…”

Shevchenko: “Il golf è totalmente diverso se sotto pressione. Ma sono ottimista…”

Golf ShevchenkoComincia poco bene l’avventura da golfista professionista per Andriy Shevchenko. L’ex attaccante rossonero dopo aver appeso scarpini e cravatta da politico al chiodo ha deciso di ricominciare dal golf, sua grande passione già dai tempi giovanili. Come detto nei giorni scorsi, il suo obiettivo è poter rappresentare l’Ucraina alle olimpiadi di Rio proprio sul green. Mazza e pallina al seguito ha disputato il suo primo torneo da pro. Risultato che da poco adito all’entusiasmo.

A Kharkov si è svolta la Kharkov Superior Cup, tappa ucraina dell’European Challenge Tour. La gara di Sheva si è conclusa con un 84 – 12 al di sopra del par. Queste le sue parole al termine della rassegna: “Ho giocato tante pro-am ma mi sono reso conto che questo sport è totalmente differente se giocato sotto pressione. Nonostante tutto mi sono davvero divertito anche se il mio score non è stato particolarmente buono. E’ una grandissima esperienza”. Girava con l’ormai 36enne ucraino Victor Riu, golfista professionista francese che a Luglio a vinto lo Swiss Challenge di Hildisrieden, e a Kharkov ha concluso la giornata in testa alla leaderboard con un -8 sotto al par. Sul parigino Sheva ha detto: “Sono entusiasta di ave giocato con Victor e averlo visto segnare il record del percorso”.

Se non altro i margini di miglioramento ci sono. Rio è lontana e riacquisire la tranquillità sotto pressione non dovrebbe essere un problema per uno che ha calcato tutti i campi possibili e immaginabili e ha segnato un rigore decisivo in una finale storica come quella di Manchester. Al massimo ci saranno da cambiare putter e ferri, o magari cambiare sport…