Tegola DeSci quando sembrava tutto passato. Il Mister fa la conta dei terzini: rimpianto mercato?

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Fabrizio Villa collabora con SpazioMilan.it da settembre 2011, dopo esser stato realizzatore nel 2010 per Sky Sport. È allenatore, con esperienze nei settori giovanili della Pro Sesto dal 2006 al 2010 e del Crescenzago nel 2011.

F. Villa - Collaboratore SpazioMilan.it
F. Villa – Collaboratore SpazioMilan.it

La vicenda Kakà ha occupato per giorni le prime pagine dei giornali. In molti ritengono possa rappresentare un valore aggiunto per il Milan di Allegri, sostanzialmente tutti pensano che da solo non potrà colmare il gap che divide il Diavolo dai grandi favoriti: la Vecchia Signora e il Napoli di Benitez.

Buona parte dei colleghi della carta stampata e della tv, hanno sottolineato che al mercato rossonero sono mancati gli acquisti di un centrocampista di qualità e un centrale difensivo di livello. Opinioni condivisibili e piuttosto diffuse anche tra gli stessi tifosi.

Quasi nessuno tuttavia ha posto l’attenzione sui terzini. Partiti Didac Vilà e Luca Antonini, in rosa sono rimasti Abate, De Sciglio, Constant, Emanuelson e all’occorrenza Zaccardo. Purtroppo nel giro di quattro giorni si sono fermati prima Igna, che lo scorso venerdì in Nazionale si è bloccato per una lesione all’adduttore, poi De Sci che ieri ha riportato la lesione del menisco mediale del ginocchio sinistro già compromesso nel match di ritorno contro il PSV. Il primo ne avrà almeno per una decina di giorni, il secondo dovrà sottoporsi ad intervento chirurgico. Questi bruschi stop ravvicinati hanno evidenziato una problematica che forse in via Turati non avevano considerato.

E’ una situazione contingente è chiaro, ma probabilmente mai come ora si sente la mancanza di alternative importanti o quantomeno di difensori di ruolo in quella zona del campo. Constant, dopo essersi scoperto discreto terzino sinistro nella scorsa stagione, pare non aver trovato ancora la migliore condizione. Urby, tra tutti i ruoli interpretati da quando è a Milanello, è probabilmente in quello più vicino alle sue caratteristiche, ma comunque non il suo preferito. Infine Zaccardo è un jolly utile alla causa ma non proprio un esterno basso di spinta. Quest’ultimo inoltre è l’unico destro naturale e con ogni probabilità verrà chiamato a sostituire i nazionali al Comunale. In ultima ratio potrebbe anche esser utilizzato Andrea Poli, candidato terzino direttamente da Adriano Galliani.

Passata la sbornia del ritorno di Ricky dunque, dover metter mano all’undici titolare per la sfida ai Granata, ha palesato all’improvviso una lacuna dormiente che pochi si aspettavano. La difesa è quasi in emergenza e non siamo nemmeno a metà settembre.

Twitter: @fabryvilla84