A Torino con un occhio all’Europa: Kakà-Matri, ipotesi panchina per dare spazio ad El92 e Robinho

matri robinho milan-cagliari (spaziomilan)
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

kaka robinho chiasso-milan (spaziomilan)Quella con il Torino sarà già un crocevia importante per il Milan. Servirà dare continuità alla vittoria contro il Cagliari (3-1), dimostrare di aver trovato un equilibrio più solido e sicuro rispetto alle prime uscite ed evitare di lasciar scappare via le prime delle classe; che al momento non prevedono i rossoneri. In caso di non vittoria all’Olimpico c’è il rischio che il distacco dalla prima cresca di 5 o 6 punti dopo sole 3 giornate. Sarebbe un abisso, soprattutto visto le avversarie di medio livello fin qui affrontate. Ma la trasferta non sarà semplice ed il Toro, nella stessa posizione di classifica del Diavolo, è pronto a sorprendere e “fare male”. Vittoria all’esordio col Sassuolo e ko contro l’Atalanta, 4 gol fatti e 2 subiti. E Allegri studia le mosse per controbattere a Ventura, non senza delle possibili esclusioni eccellenti.

In primis quella di Kakà che, secondo il Corriere dello Sport, sabato sera alle 20.45 non dovrebbe scendere in campo dal primo minuto. Stesso destino per Alessandro Matri, provato al centro dell’attacco in amichevole ed in allenamento ma non ancora in sintonia al 100% con la sua nuova squadra e i suoi nuovi compagni. Un percorso normale, prenotando uno spazio nella ripresa per “spaccare” la sfida e dare al Milan la spinta verso il successo. Allegri ragiona in funzione della panchina: lasciare fuori un grande giocatore e dosarlo a partita in corso è una ricetta vista e conosciuta. Parliamo di esclusioni da valutare, perché i due hanno comunque buone chance di giocare dall’inizio. Anche perché insieme, in un giorno solo, hanno deliziato Milanello: 3 assist di Kakà per la tripletta di Matri. L’intesa non è male…

Sempre lo stesso quotidiano vede al loro posto Robinho ed El Shaarawy, senza il trequartista ma con il ritorno al 4-3-3. Modulo nelle corde, ma è più verosimile immaginare l’attaccante brasiliano alle spalle del Faraone e di Balo. Tutto da verificare ancora nei prossimi giorni, ragionando in funzione del delicato debutto in Champions a San Siro di mercoledì prossimo.