Sei qui: Home » Ipse dixit » Cannavaro: “I cori a Balotelli sono di paura e rispetto. A me hanno chiamato terrone mille volte”

Cannavaro: “I cori a Balotelli sono di paura e rispetto. A me hanno chiamato terrone mille volte”

CannavaroDopo le polemiche delle ultime settimane per i cori delle tifoserie, le richieste di chiusura delle curve e degli stadi, anche i giocatori sono stati interpellati sul tema del razzismo, ma anche su molto altro. In 50 hanno risposto in maniera anonima ad un sondaggio della Gazzetta dello Sport, per fare un quadro del nostro campionato. Dalla questione razziale, ai giocatori ed allenatori migliori, fin all’argomento ancora tabù dell’omosessualità, le 14 domande del sondaggio hanno dato molto materiale su cui riflettere. A commentare i risultati è stato chiamato Fabio Cannavaro, l’ex capitano della nazionale non ha avuto problemi a dire la sua opinione e chiarire alcuni punti.

In particolare sugli insulti e le parole, a volte pesanti, che i giocatori si dicono in campo: “Non è razzismo è stupidità. Mi hanno chiamato terrone mille volte” ha detto Cannavaro. Su i cori contro SuperMario invece spiega: “Credo si tratti di cori di paura, forse di rispetto. Balotelli ha un atteggiamento che non piace, poi in campo è forte e dunque i tifosi avversari hanno paura di lui”. Un modo quindi per esorcizzare la paura che Mario fa alle altre squadre. Balotelli però è anche tra i giocatori considerati tra i più sottovalutati della serie A : “Nelle squadre migliori di A oggi sono titolari giocatori che ai miei tempi non sarebbero andati in panchina”.

A sottolineare come Mario non debba farsi tradire dal carattere perché è un giocatore che potrebbe far parlare di sè per il suo talento, a differenza di molto altri. Infine una considerazione sugli allenatori votati tra i migliori del campionato. Oltre a Conte e Montella spunta infatti anche il nome di Massimiliano Allegri. “Perchè sono quelli che vincono di più” E a chi non piacciono i vincenti?