Sei qui: Home » Copertina » La mediana ha il vizio del gol: ecco, per ora, quanto ha inciso

La mediana ha il vizio del gol: ecco, per ora, quanto ha inciso

PoliMilan “Balotelli-dipendente”? Forse, ma i numeri di questa prima, difficile, parte di stagione paiono dare molti meriti al centrocampo rossonero, che, seppur non di primissimo livello, ha cercato di trascinare la squadra a suon di gol da giocatori che di certo non fanno della realizzazione il loro cavallo di battaglia. Muntari e Poli soprattutto sono andati ben oltre le più rosee aspettative, creando soluzioni impreviste per Allegri e dando qualche punto ad una squadra che comunque fa sempre tremenda difficoltà a portare a casa il bottino pieno. Col ritorno di Montolivo e Birsa alle condizioni ottimali questo trend potrebbe confermarsi, cercando di coadiuvare il reparto offensivo nella difficile rimonta alle posizioni che contano in campionato e nel durissimo viaggio in Champions.

I numeri possono sicuramente aiutarci in questa disamina: riferendoci alla Serie A, i rossoneri hanno siglato tredici reti. Sei di esse, dunque il 46%, sono state opera dei centrocampisti e, nel dettaglio, tre da Muntari (doppietta alla Juve e gol al Torino), due da Poli (Verona e Bologna) ed uno da Birsa (quello decisivo con la Sampdoria). Di contro, gli attaccanti rossoneri, da precisare orfani da tre giornate di Balotelli e da inizio stagione di ElShaa e Pazzini, ne hanno segnati solo cinque, tre con SuperMario e due con Robinho. Estendendo il discorso alla Champions, diventano undici i gol della mediana, contando l’altro di Muntari contro il Celtic e la doppietta dell’ex Boateng nei preliminari contro il PSV, mentre l’attacco sale a quota otto grazie al gol di El Shaarawy nel preliminare d’andata e delle due realizzazioni di Balotelli contro PSV a San Siro e Ajax.

LEGGI ANCHE:  Calciomercato Milan, i tifosi sorridono: firmerà il contratto nei prossimi giorni!

Tirando le somme, dunque, nelle prime undici partite della stagione, abbiamo un totale di venti reti, delle quali ben undici sono state segnate dal centrocampo per una percentuale del 55% niente male per un reparto non eccelso nei nomi, ma evidentemente molto prolifico sotto porta. Adesso serve la rinascita degli attaccanti: è l’ora che Matri e Niang si sblocchino, che Robinho acquisti continuità e che El Shaarawy torni ad essere quello dello scorso anno: del resto non tutto può essere posto sulle (irrequiete) spalle di SuperMario.