Allegri Milan - Esonero saltato per una questione economica

SM ESCLUSIVO/ Arcore, ecco il retroscena: Allegri non ha ceduto sullo stipendio fino a giugno

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

galliani audi dayQuattrini. Tanti. E proprio per questo motivo tali da far la differenza. L’esonero di Massimiliano Allegri è saltato per una questione economica, prima che per altre considerazioni di opportunità. Che pure non sono mancate.

Secondo fonti molto vicine alla società sentite e verificate da SpazioMilan.it, il tecnico del Milan non avrebbe accettato di “levare le tende” con buonuscite al ribasso. La società, infatti, non sarebbe stata disposta a garantirgli lo stipendio al cento per cento fino a giugno. Anche perché contestualmente avrebbe dovuto spendere altre risorse per contrattualizzare un traghettatore. Il piano, dunque, era chiaro: cambiare allenatore senza spendere un euro in più del dovuto ad Allegri. Quindi andare a forfait sugli emolumenti dovuti dalla società da qui a fine stagione e investire la differenza nello stipendio per una nuova figura come quella di Devis Mangia.

Se da una parte Silvio Berlusconi sembrava disposto a uscire da questo schema, pur con riserve sull’ingaggio dell’ex commissario tecnico dell’Under-21, dall’altra ha prevalso la linea del rigore economico da parte di Adriano Galliani trovatosi di fronte alla rigidità di Allegri sul taglio dello stipendio dei prossimi mesi. A quel punto il banco è saltato: col tecnico toscano al suo posto, ma in bilico. Con l’obbligo di vincere contro il Genoa, alla ripresa del campionato. Altrimenti anche la questione economica finirà inevitabilmente in secondo piano.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy