Seedorf Allegri - "Ho sempre rispettato Max, non volevo attaccarlo"

Seedorf: “Ho sempre rispettato Allegri, spero che riporti il Milan in alto”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

SEEDORF“In questo momento penso solo al Botafogo: il futuro del Milan è nelle mani di Berlusconi e auguro al mio ex club di fare un campionato importante. Non mi sembra il momento più adatto per parlare di un mio eventuale futuro sulla panchina rossonera“. Ha scelto i microfoni di Sky Sport, Clarence Seedorf, per spegnere ogni voce di un suo possibile approdo immediato sulla panchina del Milan, al posto di Massimiliano Allegri.

Seedorf, inoltre, è voluto tornare sulle parole contro il tecnico livornese che tante polemiche hanno suscitato: “Questo è giornalismo di basso livello: non devo spiegare niente e mi dispiace vedere che le mie frasi siano state tradotte così male. Il mio cuore è rossonero, ho sempre rispettato Allegri durante la mia permanenza al Milan e certamente in questo momento così particolare non mi sarei mai permesso di fare simili insinuazioni. Presto farò un comunicato stampa dove spiegherò quello che ho detto e voi potrete fare le vostre valutazioni. Ho solo spiegato perché ho scelto di andare via dal Milan: non ho mai voluto attaccare Allegri, che anzi spero riesca a riportare presto in alto in Diavolo. Con Max non ho alcun problema e l’ho anche incontrato senza problemi a Milano“.

Un pensiero, infine, sul discusso Balotelli: “Mario deve essere lasciato in pace, è un ragazzo giovane e che può fare la differenza, gli auguro di continuare a fare la differenza per il Milan e per la Nazionale italiana. Può dare tanto al calcio italiano, spero possa trovare i suoi equilibri“.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy