Ancilotti Milan - "Parolo e D’Ambrosio? Penso che servano giocatori di qualità superiore”

Ancilotti (ag. FIFA): “Parolo e D’Ambrosio? Penso che al Milan servano giocatori di qualità superiore”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Manca poco all’apertura della sessione invernale di calciomercato. I primi nomi in entrata cominciano a circolare insistentemente, i più frequenti sono quelli di Parolo, D’Ambrosio e Perin. A dare il suo parere su questi tre giocatori è l’agente FIFA Stefano Ancilotti che in esclusiva a ilsussidiario.net ha dichiarato:

“Parolo è un buon giocatore e lo sta dimostrando anche nel Parma ma onestamente penso che al Milan serva un giocatore con un profilo di qualità superiore. Con tutto il mio rispetto per il centrocampista parmense. Stesso discorso vale per D’Ambrosio, davvero un ottimo difensore ma i rossoneri sono abituati a calciatori diversi. In quel ruolo hanno appena scoperto Emanuelson che contro la Roma ha giocato una grande partita. Sta dimostrando di essere un ottimo elemento, credo  che il Milan abbia problemi  in altre zone del campo non certo sulla fascia sinistra”.

L’agente Fifa allude al problema del portiere di riserva dopo la prestazione opaca di Gabriel contro la Roma: “Il brasiliano è ancora immaturo, gli manca qualcosa per diventare il portiere del Milan. Dovranno sicuramente cercare un altro portiere ma non in Italia, suggerirei all’estero. In Serie A non ci sono molti portieri di prima fascia dietro i soliti Buffon e Marchetti. Penso ci possa essere qualche giovane di talento in circolazione. Perin? Ecco, il portiere del Genoa potrebbe fare bene in rossonero però prima dovremo vedere come chiuderà la stagione in corso”.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy