kakà balotelli - i due campioni rossoneri prendono per mano il Milan

Kakà e Balotelli, il carisma e l’irruenza. Ma il Milan, ora, è loro

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Due vittorie consecutive. Non succedeva da fine agosto, quando il Milan inflisse (tra l’altro con gli stessi risultati) un 3-0 al Psv nel ritorno dei playoff di Champions e un 3-1 al Cagliari nella seconda giornata di campionato. Ora le due vittorie sono arrivate in trasferta e potrebbero (usare tutti gli scongiuri possibili è d’obbligo) essere determinanti per la rinascita rossonera. La differenza è che queste due vittorie sono arrivate in trasferta ma è ancora troppo presto per parlare di una squadra guarita. Per fare ciò saranno necessarie altre prove convincenti, oltre che vincenti, nelle prossime quattro gare (fra Champions e campionato) che dividono il Diavolo dalla sosta natalizia. La cosa certa è che sono essenzialmente due i simboli della riscossa rossonera: Ricky Kakà, che sta continuando a dimostrare di essere un campione vero, e Mario Balotelli che finalmente sembra essere tornato decisivo.

Celtic e Catania. Sei gol in due partite per la compagine di Massimiliano Allegri e quattro di questi (due a testa) sono stati messi a segno dai due giocatori più rappresentativi, i due da cui è lecito aspettarsi il cambio di passo, la giocata che spezza le partite. Il brasiliano è sempre più il trascinatore di questa squadra. Due gol certo, ma anche assist, recuperi difensivi, cavalcate degne dei vecchi tempi: insomma un Kakà così brillante e decisivo fin da subito, forse non se lo sarebbero aspettato nessuno, nemmeno i suoi più grandi estimatori. Ed invece, partita dopo partita, il ventidue milanista sta zittendo gli scettici, si sta caricando la squadra sulle spalle e fa sognare tutti i tifosi rossoneri. Ieri, fra le altre cose, è arrivato il suo gol numero 99 con il Milan e, quindi, solo una rete lo separa dall’entrare definitivamente nell’elite degli ultracentenari realizzatori del club milanese.

Diverso è il discorso legato a Mario Balotelli. L’attaccante breciano si è sbloccato col Celtic dopo quasi due mesi in cui era rimasto a secco e, ieri a Catania, ha segnato in campionato dopo oltre due mesi. Ancora non è il Supermario che tutti si aspettano, almeno dal punto di vista tecnico, ma sta crescendo e dimostrando di tenerci alla maglia che indossa. Poi, molto probabilmente, l’influenza, gli insegnamenti e l’esempio di un campione affermato come Kakà, non possono che fargli bene e ne sta traendo grande giovamento. Ora, bisogna continuare su questa strada ed evitare comportamenti fuori dalle riga che sono intrinseche del suo carattere. Kakà e Balotelli, insomma: quelli del presente rossonero, eroi di Champions e campionato. Con loro due insieme contemporaneamente il Milan è più forte ed entrambi in campo si migliorano a vicenda.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy