D’Amico: “Gli indizi su Gattuso vanno provati prima di sfociare nella diffamazione”

Durante la trasmissione Tiki Taka di Italia 1, il procuratore di Gennaro Gattuso, Andrea D’Amico, ha parlato del delicato momento che sta vivendo l’ex Ringhio rossonero, tirato in ballo, insieme a Cristian Brocchi, nel nuovo filone del calcioscommesse su cui indaga la Procura di Cremona.

Queste le parole di D’Amico: “Quando ci sono vicende che coinvolgono persone con grande visibilità secondo me ci dovrebbe essere anche un po’ di riguardo, in quello che non deve sfociare in diffamazione. Solo il sospetto è un danno provocato, ci sono indizi che vanno provati. Devono essere tutelate le individualità dei soggetti“.

Siamo su Google News: tutte le news sul Milan CLICCA QUI

Preferenze privacy