Galli Milan, le parole del resp. del settore giovanile al Metropol

Filippo Galli: “L’Europa chiama e il Milan risponde anche con i più piccoli. Fondamentale crescere come uomini”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Queste le dichiarazioni rilasciate da Filippo Galli, responsabile del settore giovanile, a Milan Channel a margine della festa di Natale al “Metropol”.

E’ una bella serata, oggi incontriamo ragazzi, staff, genitori e dirigenza: è l’occasione migliore per augurarci buon Natale e buon 2014. L’obiettivo primario è quello di far crescere i nostri ragazzi, prima che i risultati. Prima di tutto viene l’uomo, se non c’è quello non può arrivare il resto: i genitori sono fondamentali per trasmettere i valori, poi si cura anche l’aspetto tecnico ovviamente. La società sta facendo grandi sforzi per il settore giovanile, lo ha rimesso al centro del progetto e lo seguono attentamente. La cosa più bella fin qui è sicuramente la parentesi internazionale che alcune nostre squadre hanno potuto fare: dai ’98 che hanno perso la finale a Manchester alla UEFA Youth League. Chelsea per la Primavera? Scherzando con Inzaghi, che voleva il Real Madrid, gli ho detto che avevo fatto anche di meglio al sorteggio… Sarà un banco di prova importante, difficile: ma abbiamo affrontato il Barcellona e sappiamo il nostro valore, possiamo fare bene“.

E ancora: “In Europa abbiamo avuto la possibilità di confrontarci con grandi squadre e in grandi palcoscenici. Bravi i ’98 e la Primavera nella Champions dei giovani. Diversi nostri ragazzi hanno la fortuna di giocare anche in Nazionale, questo significa che abbiamo dei talenti ma che devono essere gestiti al meglio“.

(Foto: AcMilan.com)

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy