seedorf - Seedorf, la firma tra gennaio e febbraio. Stam come vice, mentre Tassotti e gli altri...

Seedorf, la firma entro febbraio. Stam come vice, mentre Tassotti…

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Non ci sono più dubbi: a partire dalla prossima stagione, Clarence Seedorf sarà il nuovo allenatore del Milan. Dopo la notizia lanciata ieri da Sky, oggi sono arrivati dettagli e conferme da parte di Corriere dello Sport e Corriere della Sera. Risale a ieri l’incontro a Roma con il presidente Berlusconi con tanto di aggiornamenti sul percorso per ottenere l’abilitazione a sedersi sulla panchina, ma già oggi olandese è volato nuovamente in Brasile. Non ci sono state le firme, che invece potrebbero esserci durante le vacanze di Natale, quando ci sarà l’incontro con Galliani a Rio, oppure, più probabilmente, verso febbraio. Ad ogni modo sarà il Brasile a veder nascere le idee del nuovo Milan.

Intanto si fanno i primi nomi per affiancare il tecnico del futuro. Uno di questi è Jaap Stam, arcigno difensore di Lazio e Milan che ha chiuso la carriera da giocatore nel 2007 all’Ajax. Stam prima ha fatto l’osservatore per il Manchester United in Sud America, ma ha anche il patentino per allenare. Nel 2009 è stato vice allo Zwolle, poi ha allenato nelle giovanili dell’Ajax fino ad approdare nello staff della Prima Squadra da questa stagione. Verrebbe come vice, anche nel caso Tassotti decidesse di restare.

Maldera, tattico portato e valorizzato da Allegri, potrebbe comunque restare rossonero e agli ordini di Seedorf. Mentre per quanto riguarda il preparatore dei portieri, Landucci dovrebbe venire soppiantato in pianta stabile da Valerio Fiori, già in organico da due stagione.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy