Braida va in pensione, Sogliano il futuro

Da giugno si ringiovanisce, Braida va in pensione: Sogliano il candidato che piace

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Rivoluzione sarà, probabilmente con Galliani in sella ma senza il fido Ariedo Braida. Sarà lui, cercato i mesi scorsi dalla Samp, il pezzo storico che il Milan perderà a fine stagione. Nella cena di Arcore l’ad ha accettato di ringiovanire il suo staff sportivo, criticato nemmeno troppo velatamente da Barbara. Così, secondo quanto riporta la Gazzetta dello Sport, dovrà a malincuore rinunciare a quella figura che per 28 anni è stata la sua ombra.

Braida compirà 68 anni il prossimo aprile e nella sua carriera, su tutti, può vantare la scoperta di Thiago Silva, Van Basten, Sheva e Kakà. Da due anni il suo ruolo era meno sul campo, ma aveva sempre conservato l’incarico di direttore sportivo che adesso aspetterà ad altri.

In queste settimana è circolato con insistenza il nome di Daniele Pradè, attuale ds della Fiorentina, in scadenza con il club dei Della Valle. Il candidato numero uno, che piace sia a Lady B che a Galliani, è però Sean Sogliano del Verona. Talent-scout giramondo, 42 anni e una predilezione per il calcio sudamericano (vedi la scoperta di Iturbe). Da giugno il nuovo volto potrebbe essere il suo.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy