Allegri: “Abbiamo meritato la vittoria. Cristante sta crescendo bene. Prossimo allenatore? Sarà degno del club come lo sono io”

allegri milan-atalanta (spaziomilan)
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Il tecnico del Milan, Massimiliano Allegri, ha parlato ai microfoni di Sky Sport al termine della vittoria contro l’Atalanta: “Partita salvezza superata? La realtà della classifica diceva che eravamo a +5 sulla terzultima, quindi era giusto chiamarla così. Abbiamo fatto un ottimo primo tempo, avendo occasioni per raddoppiare; nella ripresa abbiamo sofferto il primo quarto d’ora, ma abbiamo trova un bel gol e poi è stato tutto più facile. Cristante è cresciuto molto, non può ancora giocare davanti alla difesa, ma come mezzala va molto bene, già bel derby lo avevo preso in considerazione, ma poi decisi di non farlo giocare. Oggi l’ho preferito a Poli perchè mi dava più centimetri in mezzo al campo, ero convinto avrebbe fatto un’ottima prestazione, poi i giovani ti danno quella spensieratezza che in questi casi può aiutare molto. Avere cambi importanti in panchina è essenziale e Poli e Balotelli ne sono la prova. Non mi sebra che l’Atalanta abbia avuto tante occasioni, noi avevamo tanti giocatori che hanno giocato poco o che erano acciaccati. E’ normale che dovevamo difendere meglio, ma diamo merito anche agli avversari. I giovani devono crescere in maniera tranquilla, e mi riferisco anche a Gabriel e Niang, che dopo qualche buona partita erano fenomeni e poi al primo errore si vuole buttarli via.

Poi si parla del futuro, sia del mercato, sia dello stesso Allegri: Nainggolan? E’ un giocatore del Cagliari, non so dove finirà, la società sa quali sono le mie intenzioni per migliorare la squadra e sono sicuro che farà grandi cose anche in questo mercato di gennaio, come ha sempre fatto. il fatto che abbia detto che non sarà ‘allenatore non cambia molto, perchè i giocatori sono professionisti; era una cosa che mi ero tenuto dentro da tempo, ma ad un certo punto si deve fare chiarezza sulle cose. Abbiamo l’obiettivo di risalire la classifica, e andare avanti in Champions e Coppa Italia e lo inseguiremo con la massima professionalità. Seedorf? Non so chi sarà il prossimo allenatore del Milan, lo state dicendo voi, a me non interessa molto, la società sceglierà un allenatore un allenatore degno, come lo sono stato io“.

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin-top:0cm;
mso-para-margin-right:0cm;
mso-para-margin-bottom:10.0pt;
mso-para-margin-left:0cm;
line-height:115%;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;}

Ancora Allegri a Mediaset Premium: “Abbiamo perso un derby in maniera brutta, perché abbiamo giocato male solo gli ultimi 15 minuti. La squadra ha risposto bene, anche in una situazione d’emergenza. Il merito va ai ragazzi, dopo tante critiche finalmente una vittoria. Sono contento. Cristante è cresciuto molto negli ultimi 2 mesi: deve essere lasciato crescere in serenità e tranquillità perché è del ’92. Io ho parlato con la società, ci mancano dei giocatori per migliorare. Kakà? Sotto l’aspetto morale, non solo tecnico, è sempre a disposizione è un esempio per tutti. Sono felice per la vittoria e la prestazione, per passare un buon lunedì. Lasciare il Milan? Quando si lascia è sempre un dispiace, perché è il club più titolato al mondo. Quattro anni sono tanti, nei primi due anni ho avuto una squadra vincente e abbiamo vinto. Poi dal terzo anno ho ricostruito. Ripeto, sono fortunato perché dopo il Cagliari ho avuto questa possibilità. Anche nei momenti di difficoltà ho sentito fiducia. Oggi la squadra ha risposto bene, ci sono 5 mesi importanti. Siamo tutti professionisti, ci sarà maggior impegno da parte di tutti. Oggi gara importante e difficile, c’era diffidenza. Un primo tempo molto bello: solido concedendo poco o nulla. La classifica è quello che è. Fischi per Matri? Oggi ha fatto una buona prestazione, purtroppo non ha avuto grandi occasioni gol. Non è egoista, è in difficoltà, ma lavora sempre per la squadra. Matri i gol li ha sempre fatti e continuerà così. Ad agosto io sul gommone? Non lo so, penso al presente e a finire bene. Valuterò le opportunità di mio gradimento, altrimenti starò al mare. La Nazionale ha un grande ct, sono convinto che farà un gran Mondiale dopo un grande Europeo. Ora il futuro di Allegri è il Milan e non bisogna mollare di un centimetro. Honda è arrivato ora, si deve inserire. Robinho oggi ha fatto una bella partita, se sta bene fisicamente è di livello mondiale, non dimentichiamolo”.