Amelia: “Voglio restare, Seedorf ha grandi idee” – UPDATE/ Problemi al ginocchio, non parte per Verona

abbiati amelia juve-milan (spaziomilan)
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

20.30 – Amelia, vittima oggi di un risentimento al compartimento mediale del ginocchio sinistro e in attesa di ulteriori dettaglio sul suo infortunio, è stato escluso dai convocati per la gara di domani

19.00 – Prima dell’esonero di Massimiliano Allegri, Marco Amelia era destinato a lasciare il Milan già a gennaio, ma l’arrivo di Clarence Seedorf ha cambiato le sue idee e ora è deciso a rimanere in rossonero. Il portiere milanista ha rilasciato una lunga intervista al programma radiofonico Deejay Football Club in cui ha confermato di voler rimanere al Milan.

Ecco le sue dichiarazioni: “Il ritorno di Seedorf ha cambiato la mia prospettiva. Dieci giorni fa avevo chiesto di partire, anche solo per sei mesi, per aver la possibilità di giocare con continuità. Cambiando la situazione ho deciso di restare. Gabriel? Ha ottime qualità ma ha bisogno di giocare e al Milan non puoi praticamente mai sbagliare; lui è giovane e può farlo, per crescere. Seedorf? Si è presentato col suo stile: Clarence è una persona di grandissimo livello, è stato un piacere. Fino ad un anno e mezzo fa era un compagno di squadra, vederlo in un altro ruolo è stato un bell’impatto. E’ carico, ha grandi idee, precise: era preparato, da anni. È un lungimirante, si è preparato mentalmente a questa carriera da allenatore. Ha fatto le sue valutazioni, da giugno sarebbe stato il nostro tecnico e questi quattro-cinque mesi d’anticipo gli permetteranno di fare quest’esperienza che tutti dicono che non ha. Però abbiamo sempre la Coppa Italia e la Champions, non scordiamolo”.

Ancora su Honda e sul suo futuro: “Honda? Buona impressione. Il mio futuro? Dovrei restare. Il cambio in panchina? Sono valutazioni della società; non abbiamo ottenuto quel che volevamo, purtroppo, questa è stata la conseguenza. Abbiamo fatto male sin dall’inizio; Allegri è stato supportato da tutti, dopo il Sassuolo era dura andare avanti così”.