Ancelotti si racconta: “Avevo paura a lasciare l’Italia”. E intanto manda a Kakà un sms speciale…

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

La figura di Carlo Ancelotti rimarrà sempre legata al Milan. Lo impone la storia, lo racconta la quotidianità delle dichiarazioni del tecnico emiliano. E così anche il gol numero 100 di Kakà diventa l’occasione per un sms, un messaggio semplice, breve, ma dal cuore d’oro: Ancelotti ha voluto esprimere in questa maniera la sua gioia all’asso brasiliano che gli regalò una Champions nel 2007. Nell’ultima intervista rilasciata dall’allenatore del Real Madrid a XXL, il programma di approfondimento di Sport Mediaset, Carletto ha voluto raccontarsi a 360° nelle sue avventure, soprattutto estere, degli ultimi anni: “Ho avuto molta preoccupazione ad uscire dall’Italia, ma poi fortunatamente mi sono trovato molto bene ovunque”.

“L’inglese? Lo avevo studiato a scuola, – continua Ancelotti sulla lingua nei paesi esteri -, ma non è stato facile. Quando andavo all’estero in vacanza incontravo gente e provavo imbarazzo per via della lingua. Ora invece provo soddisfazione a capire, è la cosa più bella: riesci a comunicare quello che vuoi dire. Se non hai la proprietà di linguaggio non esprimi le tue arrabbiature”. Che vale sia con le persone comuni che con i propri giocatori, parola di un tecnico che ha vinto due Champions League col Milan e campionati nazionali in Italia, Inghilterra e Francia.

Infine una battuta anche sul momento culturale del nostro Paese, visto da occhi lontani: “Non vedo apertura totale, rimangono usi e culture e tradizioni impossibili da mischiare. Spagna e Italia sono vicini. La creatività dei popoli latini porterà a uscire da questo momento di crisi anche nel calcio”.