Damiani (ag. FIFA): “Taarabt non mi convince. Constant? Non voleva il prestito”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Oscar Damiani è uno procuratori più influenti dell’intero panorama calcistico italiano. Attualmente non ha sotto procura giocatori di primissimo livello, ma svolge comunque importanti funzioni di intermediazione tra le società italiane e quelle estere. Stretto amico di Galliani, intervistato da Gazzetta.tv, il noto procuratore ha voluto dire la sua sull’ultimo colpo dei rossonero, Adel Taarabt: “E’ un giocatore di grande talento come tutti i franco-marocchini. Allo stesso tempo però a parte un campionato di Championship in cui ha fatto 19 reti, per il resto in Premier non ha brillato, andando in rete solo 5 volte, nessuna quest’anno. Nonostante la giovane età sembra già in fase calante e la cosa preoccupa”.

“Io credo non volesse il prestito, – continua Damiani parlando di Constant, il Napoli è una grande squadra che fa la Champions, per cui credo che a titolo definitivo ci sarebbe andato. E’ molto ambizioso, vuole fare bene ed affermarsi, sono convinto che sia il miglior terzino sinistro che il Milan ha in rosa e sono certo che saprà convincere anche Seedorf di questo, ritagliandosi il suo spazio”.

Un’ultima battuta anche sul neo colpo dei rossoneri per la Primavera, Stefano Gori, classe ’96: “Dicono tutti un gran bene di lui, l’ho visto giocare ed ha delle grandi doti. Certo è giovanissimo quindi avrà bisogno di crescere ed ambientarsi, ma la speranza è che fra uno tra lui e Gabriel, che è giovanissimo, possa esserci il nuovo Abbiati”.