Una trequarti da fare invidia, ma in difesa il restyling è rimandato

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Arianna Sironi è nello staff di SpazioMilan.it dalla sua nascita, l’8 marzo 2011, ed è una delle prime firme del sito. Conduce con il vicedirettore Daniele Mariani “Milan Time”, un’ora di notizie rossonere nel palinsesto pomeridiano di Radio Milan Inter (96.1 FM e canale 288 del DTT).

Pochi soldi e tante idee. Durante la conferenza stampa di Essien, sornione, Adriano Galliani aveva fatto intendere che negli ultimi giorni di calciomercato ci sarebbero stati nuovi e vecchi scambi da provare. Vecchi stile Armero-Constant, con il milanista che come qualche settimana fa è stato irremovibile nel suo no. Nuovi come Zaccardo-Taarabt, poi tramontato vista la poca voglia d’Inghilterra dell’ex Parma.

Se Constant e Zaccardo restano, la buona notizia per Seedorf è che Taarabt e probabilmente anche Armero, arriveranno comunque. Nelle mani del neo allenatore c’è una rosa importante, almeno in termini numerici e di potenziale offensivo, il lavoro quindi si complica e non poco. Sulla trequarti l’abbondanza è sotto gli occhi di tutti e forse a questo punto il sacrificio, in prestito, di Ricky Saponara è un obbligo verso un ragazzo che, viste le qualità, ha tutto il diritto di giocare in Serie A.

Tra infortuni e varie c’è sempre meno da scegliere in difesa, reparto considerato poco e male in troppo sessioni di mercato. Silvestre è in prestito dall’Inter e a suon d’infortuni per giugno si sta guadagnando il ritorno alla casa madre, se non in questi giorni un altro addio in estate sarà quello di Mexes. Poi la grana Abate e la decisione definitiva su Emanuelson. I nodi vengono al pettine, ancora qualche mese e anche il reparto più bistrattato subirà le giuste e tanto agognate modiche. Nel frattempo godiamoci il resto.