La crisi del calcio italiano? Uno studio rivela che…

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Nuovi dati dallo studio di Global Transfer Market pubblicato sul sito ufficiale della Fifa su spese e ricavi dei club.

Si calcola che nel mondo ci siano circa 6000 club professionistici di circa duecento federazioni. Società che hanno speso 3,7 miliardi di dollari (2,7 miliardi di euro) per trasferimenti internazionali di giocatori nel 2013, in aumento del 41% rispetto al 2012. L’Italia è seconda nella classifica.

Le cifre emerso dallo studio riguardano solo gli indennizzi per i trasferimenti internazionali di giocatori ancora sotto contratto con un altro club, ossia 1628 dei 12309 globali effettuati nel 2013, il 14%. I club italiani sono secondi al mondo per le spese: con 475 milioni di dollari, in aumento del 120% rispetto al 2012. Davanti ci sono solo i club inglesi, che hanno sborsato ben 913 milioni. L’Italia è seconda in classifica anche a livello di ricavi dai trasferimenti all’estero con 436 milioni di dollari, in scia alla Spagna prima con 565 milioni. Nel complesso le società nostrane accusano una perdita di 39 milioni di dollari, mentre per l’Inghilterra il disavanzo è di 613 milioni. Sorpresa finale: i club spagnoli sono in attivo per 246 milioni.