CALCIOMERCATO/ Milan, scambio e sponsor: pazza idea Jorginho

Jorginho
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Una suggestione che non deve diventare illusione, una voce di mercato debole nella forma ma in grado di far sognare nella sostanza. Il Milan ritorna ad accarezzare l’idea Jorge Luiz Frello Filho, semplicemente Jorginho. Il centrocampista brasiliano, straordinario protagonista dell’inatteso e formidabile cammino del Verona in campionato, potrebbe rientrare in un’importante trattativa. Tutto ruota attorno alla cessione in prestito di Cristante, che sarà l’ago della bilancia di questa finestra invernale, vicinissimo al Cagliari nell’affare Nainggolan ma non ancora sicuro. La squadra di Mandorlini ha messo in preventivo l’addio di Halfreddson ma soprattutto chiesto informazioni su Bryan, lo accoglierebbe volentieri a gennaio e, fondamentale, gli garantirebbe più spazio in un palcoscenico comunque di buon livello: da qui nasce il pensiero Jorginho.

Quasi impossibile ora, difficile anche nella prossima estate. Perché Jorginho è il pezzo più pregiato del Verona, consapevole che presto correrà il rischio di perderlo ma con anche l’intenzione di trattenerlo con le unghie e con i denti almeno per i prossimi 6 mesi. Poi, probabilmente, sarà addio: lo aspetta la Premier, in Italia al momento è la Fiorentina la società più vicina al giocatore. Serviranno, comunque, 15 milioni di euro o forse più, meno se in cambio si può offirire un talento puro come Cristante, simile per caratteristiche e posizione. Un minimo di possibilità per far decollare l’operazione, quindi, c’è.

Nel caso il sì arriverebbe al terzo tentativo, dopo che Galliani si garantì un diritto di prelazione nel gennaio scorso cercando di farlo valere senza successo il luglio successivo. Tentar non nuoce per un giovane italiano di 22 anni, che quest’anno ha esordito in Serie A proprio contro il Milan e fino ad ora ha totalizzato la bellezza di 7 gol in 17 incontri, ma non saremmo sinceri se vi dicessimo che l’acquisto è in dirittura di arrivo o alla portata. Al contrario di Nainggolan, davvero ad un passo. Il Verona però ha un ds che si chiama Sogliano, che presto si trasferirà in rossonero: può essere lo sponsor giusto per battere la concorrenza e fare l’impresa.