Kakà: “Dopo Torino ho pensato di smettere. Ora sono solo all’80% e sogno il Mondiale. Su Seedorf…”

kaka 7 milan-atalanta (spaziomilan)
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Raggiunto dai microfoni di Esporte Espectacular, programma brasiliano, Ricky Kakà ha ammesso di aver pensato al peggio dopo l’infortunio contro il Torino: “Quando mi sono infortunato mi sono detto: “Non so se voglio ancora giocare a calcio“. Mi stavo preparando per fare tutto il possibile per giocare la Coppa del Mondo e mi sono infortunato alla prima gara ufficiale. Così ho chiamato Galliani e gli ho detto che non volevo ricevere lo stipendio. Lui mi ha detto di mantenere la calma. Ho recuperato e sono tornato”.

Ora però le cose sono decisamente cambiate in meglio: “Mi sono portato un fisioterapista privato, per avere buone prestazioni sul campo, ritrovare la gioia di giocare e tornare in Nazionale. Adesso sono al 75-80% della mia condizione e spero di poter tornare presto al 100%”.

Un commento poi anche sul Mister e amico Clarence Seedorf: “Seedorf è stato un giocatore tecnicamente fantastico e molto intelligente. Amava parlare e guidare, aveva il profilo dell’allenatore anche in campo. Per me è la prima volta che un ex compagno mi allena. E’ strano, la persona che era a fianco a me da giocatore ora mi guida come tecnico. E’ molto disciplinato e determinato in quello che vuole. Conosce la direzione dove vuole andare, ha imparato tanto, giocando nei più grandi club Europei e apprendendo le basi all’Ajax”.