Maselli (ag. FIFA): “Nainggolan, troppa concorrenza. D’Ambosio alla portata, mentre Saponara e Cristante…”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Il mercato invernale ha aperto da appena tre giorni, ma per adesso non si intravede nessuna vera strategia per arrivi e partenze in casa del Milan. I nomi restano sempre i soliti, ma l’indecisione dimostrata sta avvantaggiando altri club e facendo allontanare sempre di più gli obiettivi prefissati prima delle vacanze. Intervistato in esclusiva da IlSussidiario.net, l’agente FIFA Marco Maselli ha provato a fare il punto della situazione.

Primo nome sul piatto è quello di Nainggolan. “La trattativa non semplice, perché c’è tanta concorrenza attorno a questo giocatore, il presidente del Cagliari Cellino cerca come al solito di monetizzare al massimo. C’è anche il Milan naturalmente tra le pretendenti, con Galliani che è sempre stato bravo in questo tipo di operazioni.” A conferma delle parole di Maselli, come riportato da Carlo Laudisa della Gazzetta dello Sport, ci sarebbe stato un affondo importante da parte del Napoli per il centrocampista cagliaritano. Le società avrebbe trovato nelle ultime ore un accordo per una comproprietà di 9 milioni. Adesso la scelta spetta al giocatore, ma difficilmente il Milan potrà ribattere ad una tale cifra. Invece per D’Ambrosio, altro nome spesso accostato ai rossoneri, la situazione è diversa. “Il giocatore è in scadenza di contratto, il Torino non chiede una cifra alta come quella del Cagliari per Nainggolan. La trattativa è più facile.” Per il difensore granata la destinazione Milano sembra certa, tuttavia sempre come riportato nelle ultime ore di Calciomercato da Gianluca di Marzio, l’Inter pare avere una corsia preferenziale e aver preso contatti col Torino. I rossoneri invece continuano a tentennare. Le due squadre di Milano, pur in contrasto per avere D’Ambrosio sembrano tuttavia interessate ad uno scambio e questa volta i nomi sono Kuzmanovic e Nocerino: “Potrebbe essere, certe volte i cambi di squadre servono ad alcuni calciatori per poter consentire loro di giocare al meglio. E’ stato il caso ad esempio di Muntari nel recente passato.” 

Per quanto riguarda i giovani le partenze sembrano quasi certe. Dopo Niang sarebbe la volta di Cristante e Saponara, che da inizio stagione sono stati usati da Allegri per fare numero in panchina, ma non gli è mai stata data una vera possibilità. “Cristante è giovane – spiega Maselli- ha bisogno di giocare e potrebbe andare in qualche società del campionato cadetto per poi tornare al Milan. Credo che sarà così anche per Saponara, con la differenza che ha già dimostrato il suo valore nella scorsa stagione proprio nel campionato di serie B. Potrebbe quindi andare a giocare in qualche formazione medio-piccola di serie A.”