Il Milan ricorda la Giornata della Memoria

maglia razzismo 1 (spaziomilan)
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

MILANO – Nel Giorno della Memoria, dedicato a tutte le vittime della Shoah, il Milan e i Milanisti ricordano milioni di persone e anche due figure che appartengono alla propria storia: Bela Guttmann, allenatore ungherese di origine ebraica che fu alla guida tecnica della Prima squadra rossonera dall’11 Novembre 1953 al 14 Febbraio 1955. Lasciò il Milan al primo posto in classifica, prossimo a vincere il suo 5′ Scudetto.

Nel Milan, dal 1941 al 1944, schierato solo in partite amichevoli, giocò Ferdinando Valletti: dal binario 21 della Stazione Centrale di Milano venne deportato al campo di concentramento di Mauthausen e successivamente a quello di Gusen. Ha condiviso la prigionia con il pittore milanese Aldo Carpi, che lo citerà più volte nel suo Diario di Gusen. Grazie ai suoi trascorsi nel calcio e nel Milan venne chiamato a sostituire un giocatore di calcio nella squadra delle SS. Per questo gli venne concesso di lasciare il lavoro alla cava di pietra e di lavorare come sguattero nelle cucine: liberato dalle truppe alleate il 5 maggio 1945, riuscì a tornare a casa.

(Fonte AcMilan.com)