Monto, il recupero per il Sassuolo “costa” la panchina a Cristante

Montolivo
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Contro il Sassuolo il Milan è alla ricerca della seconda vittoria consecutiva in campionato, fatto mai successo fino adesso in questa stagione. La formazione che scenderà in campo a Reggio Emilia è quasi fatta, tranne che a centrocampo, il reparto che presenta i maggiori dubbi per Allegri.

Capitan Montolivo oggi si è allenato con la squadra e quindi dovrebbe scendere in campo dal primo minuto. Con De Jong insostituibile davanti alla difesa e con Muntari ancora squalificato,  ecco che per l’ultima maglia sulla mediana sono in lizza due giocatori, Poli e Cristante, con Nocerino che quasi sicuramente partirà dalla panchina. L’ex Primvera, dopo lo splendido esordio con gol, lunedì scorso contro l’Atalanta è in rampa di lancio e Allegri potrebbe decidere di concedergli ancora un’altra chance per sfruttare il suo entusiasmo. Dall’altra parte c’è Poli, ex della partita, che è in un momento di calo ma che in questi mesi ha garantito comunque prestazioni di alto livello, risultando uno dei migliori di questi mesi molto negativi.

Una scelta non facile per il mister toscano che fino ad ora ha utilizzato Cristante veramente con il contagocce (a parte l’ultima partita aveva giocato solo 10 minuti a Verona contro il Chievo) tanto che si era parlato di una possibile partenza per il classe ’95. Adesso bisognerà vedere se davvero la società crede e il tecnico credono in lui o se la partita giocata contro l’Atalanta è stata solo il frutto dell’emergenza in mezzo. Ultimamente Allegri ha sempre preferito tenere in panchina uomini freschi e che potevano, nel caso, cambiare la partita ecco perché partire con Poli fuori non sarebbe una scelta sbagliata, con l’ex Sampdoria che con la sua vivacità e i suoi inserimenti potrebbe far male alla difesa nero verde. E in più dare una nuova opportunità a Cristante  dimostrerebbe che il tanto decantato progetto giovani non sarebbe solo il frutto di promesse estive, poi smentite dai fatti.