Difesa colabrodo ed insicura: Alex può essere l’uomo giusto. L’analisi

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Il problema difensivo del Milan è sotto gli occhi di tutti e anche la trasferta di Napoli ha solo amplificato quello che si sapeva già. La retroguardia rossonera va rinforzata, manca di un leader tecnico e carismatico che guidi con sicurezza un reparto troppo perforabile. Al San Paolo la coppia centrale era formata dai due francesi, Rami e Mexes che hanno concesso davvero troppo a Higuain e compagni. Rami ha iniziato a giocare gare ufficiali da gennaio, sembra un buon prospetto ma anche lui ha bisogno di una spalla importante a fianco. Per quanto riguarda Mexes, ieri capitano, sembra finito il suo tempo a Milano. Seedorf lo ha schierato per la mancanza di Zapata e la squalifica di Bonera. Nelle gerarchie dell’olandese è scivolato in fondo e le prestazioni in questa stagione sono state deludenti. Se a questo sommiamo il contratto a 4 milioni di euro ecco che a giugno l’addio sembra scontato.

Certo trovare sul mercato un difensore valido e che si prenda la responsabilità di guidare la difesa rossonera non è un’impresa facile soprattutto perché i grandi difensori costano e il Milan negli ultimi anni non ha mai tirato fuori cifre importanti dal suo portafoglio. In questo senso ecco che il nome giusto potrebbe essere quello di Alex Rodrigo Dias, noto semplicemente come Alex, centrale brasiliano del PSG con il contratto in scadenza a giugno. Il 32enne potrebbe arrivare a parametro zero e in questo senso i contatti con l’entourage del giocatore sono già stati avviati. Alex dopo l’ottima esperienza al Chelsea, dal 2007 al 2012, si è trasferito a Parigi. Sotto la Tour Effeil Alex ha trovato continuità e insieme al suo connazionale Thiago Silva rappresenta un’ottima cerniera per la squadra di Blanc. L’acquisto di Marquinhos dalla Roma rappresenta il futuro per il PSG vista l’età non più giovanissima di Alex che potrebbe quindi decidere di trovare nuovi stimoli in Italia, da protagonista.

E’ vero che non rappresenterebbe un acquisto in linea con il progetto giovani decantato dalla società ma sarebbe un colpo per tornare subito a grandi livelli. L’ex Chelsea darebbe quella personalità e quell’esperienza che manca terribilmente alla difesa milanista e sarebbe il centrale fisso su cui poi costruire il resto del reparto. Alex piaceva tantissimo a Carlo Ancelotti che non riuscì mai a portarlo a Milano. Galliani ci sta lavorando e l’affare sembra davvero possibile tanto che anche i media francesi danno il Milan in pole position. Sarebbe l’ennesimo colpo a zero, ma sarebbe davvero una manna per questa disastrosa retroguardia.