Da Kakà a De Jong, passando per Nesta: quanti rossoneri a seguire il SuperBowl

Kakà figlio
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Che il SuperBowl fosse un evento planetario lo dimostra il fatto che la finale del campionato di NFL è da sempre l’evento sportivo più seguito al Mondo, con centinaia di milioni di persone sparse per il globo incollate davanti alla tv per osservare lo spettacolo del football americano e tutto ciò che gli gira intorno. Ovviamente anche molti personaggi famosi hanno seguito l’evento e la schiacciante vittoria dei Seattle Seahawks, che hanno demolito 43-8 i Denver Broncos della star Payton Manning, conquistando il primo titolo iridato per la compagine verde-blu dello stato del Washington. Ne sono prova i tanti messaggi lasciati sui social network da attori, sportivi, cantanti, tutti estasiati dallo spettacolo andato in onda nella notte italiana.

Tra questi ci sono anche alcuni giocatori del Milan, e ci riferiamo a Nigel De Jong e Ricky Kakà. Il mastino olandese ha esordito con un “It’s Show Time ! SuperBowl XLVlll , Let’s go“, per poi continuare con altri cinque tweet nei quali ha esaltato le performance dei Seahawks, fino a congratularsi con loro per la vittoria finale con un eloquente “Congrats to the Seattle Seahawks! Deserved it from minute 1. Class act!“. Sull’altro social per eccellenza, Facebook, invece, Kakà ha postato una bella foto con il figlio  Luca Celico Leite, nella quale entrambi si erano dipinti il viso con le tipiche strisce nere che si vedono sui volti dei giocatori di football e che pare, oltre ad un motivo di tradizione “guerriera”, servono anche a ridurre i riflessi del sole o dei riflettori che possono dar fastidio agli stessi. Nella foto, Smoking Bianco e suo figlio mostrano uno sguardo da duri con la didascalia “Are u ready?“.

Per concludere, anche Alessandro Nesta ha postato su Twitter le emozioni del SuperBowl, complimentandosi con Bruno Mars ed i Red Hot Chili Peppers, che hanno intrattenuto il pubblico del MetLife Stadium di East Rutherford, e anche con l’organizzazione dell’evento, che ha messo in piedi uno show spettacolare. Eloquente e divertente il commento di Sandrone: “L’americani sò l’americani! Ammazza che t’hanno fatto“.