De Sciglio, il calo che non ti aspetti

de sciglio (spaziomilan)
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Ci si aspettava grandi cose da lui dopo il rientro dall’infortunio lo scorso inizio di dicembre. Il Milan e i tifosi attendevano un Mattia De Sciglio cresciuto e maturato. Dopo una grande stagione, quest’anno doveva essere finalmente quello delle conferme e della definitiva consacrazione. Una normale evoluzione sia come giocatore che come uomo, anche per la Nazionale in ottica Mondiale. E invece? Non è stato così. Se la normale maturazione personale ha confermato in pieno le aspettative, quella professionale ha sicuramente subito una battuta d’arresto. A testimoniarlo sono le ultime e deludenti prestazioni in Serie A.

Uno dei motivi più probabili della débâcle del terzino sinistro rossonero potrebbe essere il nuovo modulo usato da Clarence Seedorf. Il 4-2-3-1 lascia i terzini liberi di agire sulle fasce per sfruttare al meglio la loro corsa e la loro velocità, in modo da rendersi il più possibile pericolosi per arrivare al cross dal fondo. Il problema di questo schieramento è che servono centrocampisti molto abili in fase d’interdizione per evitare che i laterali vadano in affanno. Questa dinamica è una delle più frequenti considerato che molte squadre giocano con il classico 4-4-2 e puntano tutto sugli esterni che indisturbati mettono in difficoltà i terzini.

Altre motivazioni sono difficili da trovare. Sarà compito di Mister Seedorf ritrovare il De Sciglio che abbiamo imparato a conoscere lo scorso anno. Il difensore dovrà continuare a giocare per trovare la forma e la determinazione che lo contraddistinguevano. La società di Via Aldo Rossi non dovrà commettere l’errore di metterlo da parte per evitare di perderlo prima moralmente e poi fisicamente. I Mondiali sono alle porte e la ricerca della convocazione potrebbe essere per il difensore uno stimolo importante per ritrovare se stesso. Il giovane ha sempre dimostrato personalità, serietà e intelligenza; il Milan non può rischiare di perdere un giocatore importante per il futuro.