Derby per il gol più bello, ma la vera sfida è tutta rossonera

petagna (spaziomilan)
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Petagna vince. Non ci sono dubbi. Nella contesa tutta meneghina per l’eurogol del settore Primavera il primo posto lo merita l’attaccante rossonero.  Senza nulla togliere al gesto tecnico dell’interista Francesco Bigotto, che sigla il 6-0 in rovesciata nella gara casalinga contro il Varese di Maurizio Ganz, il gol di Andrea Petagna è tutt’altra cosa.

Lancio lungo, stop di petto, si aggiusta la palla al volo e scarica un tiro a giro all’incrocio dei pali imprendibile. Come se non bastasse Petagna non sta affrontando una partita di campionato qualsiasi, ma segna questo gol capolavoro in finale della Viareggio Cup, contro la bestia nera Anderlecht e dopo che il Milan ha subito un gol. Solo per l’importanza e il valore di quella rete il primo posto è suo. Il secondo posto inoltre, secondo il nostro parere, sarebbe da assegnare ad un altro rossonero. Chi ha tutti i diritti di entrate in questa contesa infatti è Andrej Modic, che si è guadagnato questo diritto con una punizione da manuale contro la Fiorentina in semifinale del torneo di Viareggio.

I rossoneri si sono fatti recuperare i due gol di vantaggio segnati nel primo tempo e per evitare i calci di rigore mancano solo pochi minuti. Il Milan conquista una punizione dal limite, s’incarica Andrej che fa solo pochi passi prima di impattare con la palla, farla volare sopra la barriera e andare a gonfiare la rete. Il vero derby per il gol più bello è tutto rossonero.