Prandelli: “Quelle di Balotelli sono le lacrime della svolta. In bocca al lupo al Milan per la Champions”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Un’intervista fiume, quella rilasciata da Cesare Prandelli a Tuttosport. Il commissario tecnico della Nazionale ha trattato numerosi temi, dal campionato, al Mondiale, passando per la situazione in Europa delle squadre nostrane: “Tifo sempre per chi gioca meglio e merita di più. Mi auguro che il trofeo sia vinto da un’italiana, ci sono anche Napoli e Lazio. E in bocca al lupo al Milan per la Champions

L’ex allenatore della Fiorentina ha speso belle parole per Mario Balotelli, da sempre difeso e “coccolato” dal tecnico di Orzinuovi: “Adesso ha anche riconosciuto la figlia… Ma non mi va di entrare nella sua sfera personale, è un fatto di rispetto. Però meno male che Balotelli è scoppiato a piangere, l’altra sera in panchinache a Napoli l’abbiano travolto emozioni fortissime. E’ giovane, non può reggere sempre una pressione straordinaria. Sono state lacrime molto… umane. Non un segno di debolezza e basta. Anzi, rappresentano un bel messaggio. Balotelli si può aiutare da solo, se parte da quel pianto. Le lacrime della svolta. L’inizio possibile di un nuovo modo di gestire tutto”.

A questo punto si passa poi ad analizzare il cammino per il prossimo Mondiale, per il quale Prandelli non ha scelto tutte le riserve relative ai giocatori da portare in Brasile: “Per il Brasile seguo con attenzione molti attaccanti, come Osvaldo, Pazzini, Matri, Destro, Insigne… ma devono sorprendermi. I giovani? Attraversano sempre momenti particolari. Penso anche a Ranocchia, Destro, Insigne, El Shaarawy, Verratti… Pochi sono titolari nel senso vero del termine. A loro dico che bisogna metterci ancor più carattere nei momenti di difficoltà, ancor più determinazione, temperamento”.